Login

Chi è on.line

Abbiamo 665 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3275
Web Links
4
Visite agli articoli
8873564
LOGIN/REGISTRATI
Venerdì, 15 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

krugmanMentre una volta chi profetizzava gridando che " la fine è vicina " veniva etichettato come qualcuno da non prendere sul serio, oggi persone che profetizzano un rischio imminente di catastrofe e di apocalisse fiscale per gli Stati Uniti sono ritenute rispettabili

. Con questa premessa, Paul Krugman in Addicted to the Apocalypse sostiene come Washington ha trascorso gli ultimi tre anni nel terrore di una crisi del debito, che non si è realizzata e di fatto non potrà mai accadere in un paese che ha una propria valuta e prende in prestito in tale valuta. Eppure gli allarmisti stanno rincarando la dose, dal miliardario Stanley Druckenmiller, che mette in guardia circa la minaccia incombente di una crisi finanziaria peggiore del 2008, all'organizzazione no profit Fix the debt dei soliti noti Alan Simpson e Erskine Bowles. Ci sono due considerazioni principali sui profeti di sventura: in primo luogo, i mezzi di informazione continuano a trattarli con immenso rispetto, nonostante abbiano sbagliato tutte le loro previsioni passate, e, in secondo luogo, nessuno di loro ha mai cercato di spiegare con esattezza come il disastro predetto sarebbe effettivamente avvenuto. Rileggendo un articolo di Alan Greenspan sul Wall Street Journal, l'ex governatore della Fed, in un'epoca di bassa inflazione e bassi tassi, avvertiva che il deficit di bilancio avrebbe portato all'impennata dell'inflazione e dei tassi d'interesse. La cosa davvero sorprendente dell'articolo di Greenspan è la data: è stato infatti pubblicato nel giugno del 2010, quasi tre anni e mezzo fa e sia l'inflazione e tassi di interesse rimangono bassi. Si sarà ravveduto degli errori commessi Greenspan? Si chiede Krugman. Niente affatto nel suo nuovo libro dichiara ancora imeprterrito che "la tendenza verso la spesa in deficit non vincolata è il nostro problema economico maggiore”. In Senato, nel 2010 Bowles aveva avvertito il paese che si sarebbe dovuto probabilmente affrontare una crisi fiscale entro circa due anni ed esortato il suo uditorio a riflettere su quello che sarebbe accaduto se " i nostri banchieri in Asia " avessero smesso di comprare il debito americano. Il caso del Giappone, un paese che, come l'America , ha una propria valuta, prende in prestito in quella moneta ed ha un debito molto più elevato rispetto al PIL degli Usa è emblematico. Dal suo insediamento, il primo ministro Shinzo Abe ha messo in pratica esattamente quella politica economica che presupporrebbe quella perdita di fiducia dai mercati che gli apocalittici profetizzano. Convincendo gli investitori che la fase della deflazione è finita, gli effetti sull'economia giapponese sono stati solo positivi. I tassi di interesse sono ancora bassi, perché le persone si aspettano che la Banca del Giappone li terrà così a lungo e lo yen è diminuito rendendo le esportazioni più competitive e rilanciando la crescita del paese. Perché, allora, gli Stati Uniti dovrebbero temere una crisi del debito? Nessuno dei profeti di sventura è in grado di offrire una risposta soddisfacente a riguardo. “Così la prossima volta che vedete un uomo dall'aspetto serio in un vestito dichiarando che stiamo in bilico sul precipizio di sventura fiscale, non abbiate paura. Lui ed i suoi amici hanno sbagliato tutto fino ad ora e non hanno letteralmente idea di cosa stanno parlando”, conclude così il premio Nobel per l'economia.

 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information