Login

Chi è on.line

Abbiamo 399 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3275
Web Links
4
Visite agli articoli
8888335
LOGIN/REGISTRATI
Lunedì, 18 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
priebke-mortoL'Anpi: "Era assassino, non si è mai pentito".
ROMA - E' morto a Roma Erich Priebke, ex capitano delle SS naziste condannato all'ergastolo molti anni fa per la strage delle Fosse Ardeatine. Priebke, che viveva in Italia da molti anni, aveva da poco compiuto 100 anni.
«Erich Priebke muore oggi all'età di 100 anni. La dignità con cui ha sopportato la sua persecuzione ne fanno un esempio di coraggio, coerenza e lealtà», scrive in una nota l'avvocato Paolo Giachini, legale di Priebke. «Il suo ultimo lascito - scrive - è una intervista scritta e un video, testamento umano e politico». 

CONDANNATO ALL'ERGASTOLO PER LE FOSSE ARDEATINE La vicenda giudiziaria di Eric Priebke raggiunse il suo culmine il 7 marzo 1998 quando la corte militare d'appello di Roma lo condannò all'ergastolo assieme ad un altro ex ufficiale delle SS, Karl Hass, per la strage del 24 marzo del 1944 passata alla storia come l'eccidio delle Fosse Ardeatine. Una sentenza giunta al termine di una lunga vicenda processuale, iniziata nel 1995 con la richiesta da parte delle autorità italiane di estradizione a quelle dell'Argentina, dove Priebke viveva.

L'ufficiale giunse in Italia nel novembre di quell'anno e venne richiuso nel carcere di Forte Boccea, a Roma. La Procura militare ottenne il rinvio a giudizio per «concorso in violenza con omicidio continuato in danno di cittadini italiani». Il primo agosto 1996 il tribunale militare dichiarò estinto il reato per intervenuta prescrizione disponendo la scarcerazione. Una sentenza che fece enorme scalpore e non fu mai eseguita, in quanto l'ex SS poche ore dopo venne riarrestato per una richiesta di estradizione presentata dalla Germania. La Corte di Cassazione, il 15 ottobre 1996, annullò la decisione del tribunale militare e dispose un nuovo processo.

Dopo una lunga disputa di natura giurisdizionale il 10 febbraio del 1997 la Cassazione decise che spettava al tribunale militare di Roma, con una nuova composizione, a giudicare Priebke e l'altro gerarca Hass. Il 4 aprile del '97: comincia il processo, nell'aula bunker di Rebibbia. In primo grado Priebke viene condannato a 15 anni (10 dei quali condonati). Quindi nel processo d'appello arriva la sentenza all'ergastolo, decisione confermata anche dalla Cassazione. Per l'età avanzata a Priebke vengono concessi i domiciliari. Scontati in un appartamento alla periferia nord di Roma.

"FARA' I CONTI CON GLI ANGELI DELLE ARDEATINE" «Esistono delle certezze nella religione. Quelli delle Fosse Ardeatine sono degli angeli e si occuperanno di lui per l'eternità. Priebke farà i conti con loro nell'altro mondo». Così il presidente della Comunità ebraica di Roma Riccardo Pacifici sulla morte di Erich Priebke. «È difficile provare emozione di fronte alla morte di un criminale -continua Pacifici- un soggetto che nell'arco della sua vita, e qui rimane l'amarezza, non ha mai mostrato nessun momento di cedimento e non ha mai confessato i suoi peccati di gioventù. Non si è mai pentito delle azioni criminali, non ha mai avuto pietà per le sue vittime e neanche per i loro familiari». «Io personalmente oggi non riesco nè a ridere nè a piangere», conclude Pacifici. 

L'ANPI: MORTO UN ASSASSINO MAI PENTITO «Non posso dire che piangerò. È morto un assassino che ha ucciso più persone di un serial killer, che non si è mai pentito di quello che ha fatto e che peraltro ha vissuto una vita lunghissima in parte anche felice». Così il presidente dell'Anpi Roma Francesco Polcaro commenta la morte di Erich Priebke.

«Per moltissimi anni infatti dopo la seconda Guerra Mondiale Priebke è stato padrone di se stesso, ha vissuto una vita normale, in Sud America, arrivando anche a diventare presidente di un'associazione culturale a Bariloche, in Argentina».

«Ha iniziato a scontare la sua pena da non moltissimo, dopo essere stato estradato in Italia - ricorda Polcaro -. È naturale che una persona di cento anni muoia e non ho altri commenti da fare. Mi auguro solo - conclude - che le autorità non permettano che i funerali di questa persona si trasformino in una manifestazione di apologia del nazismo. Per i partigiani resterà sempre un feroce assassino e un nazista».

NO CAMERA ARDENTE Non sarà allestita alcuna camera ardente per l'ex ufficiale delle SS Erich Priebke. L'ex SS sarà sepolto accanto alla moglie a Bariloce, nella città argentina dove anni fa si era rifugiato, ma ci sono ancora alcuni aspetti burocratici da risolvere. Lo ha riferito Paolo Giachini, legale di Priebke.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information