Login

Chi è on.line

Abbiamo 1216 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3278
Web Links
4
Visite agli articoli
9013987
LOGIN/REGISTRATI
Sabato, 07 Dicembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

COMANDANTE SCHITTINOIl comandante Schettino ordinò di aumentare la velocità della Costa Concordia da 15 a 16 nodi, circa cinque minuti prima dell'impatto con gli scogli.

Lo ha affermato il teste Salvatore Ursino, all'epoca ufficiale in addestramento sulla nave naufragata il 13 gennaio 2012, al processo sul disastro in corsoa Grosseto. «Schettino dette l'ordine di aumentare la velocità al vice Ciro Ambrosio». Con la testimonianza di Ursino è ripartito stamani il processo sul naufragio della Costa Concordia con unico imputato il comandante Francesco Schettino. Ursino è il primo testimone sentito in aula che fu presente in plancia di comando per tutta la navigazione della sera del 13 gennaio 2012, da Civitavecchia all'urto contro gli scogli del Giglio. È tornata a Grosseto, perché convocata anche lei tra i testimoni dell'accusa, anche la ballerina moldava Domnica Cemortan, fatta accomodare nella saletta testimoni del teatro Moderno, dove si svolge il processo, in attesa del suo turno. Anche questa volta la moldava ha richiamato l'attenzione di telecamere e fotografi. «Abbiamo urtato uno scoglio?» e poi: «Madonna ch'aggio combinate!»: questa la voce di Schettino tratta dagli audio che il pm Stefano Pizza ha fatto ascoltare stamani in aula ricostruendo le fasi dell'urto contro gli scogli. Si sente anche dire Schettino ordinare: «Chiudere le porte stagne a poppa». Ordine ripetuto anche dal suo vice Ciro Ambrosio. «In plancia c'erano il primo maitre Antonello Tievoli, il maitre Ciro Onorato, l'hotel director Manrico Giampedroni, oltre che la ragazza moldava (Domnica Cemortan, ndr) che rimase sulla porta» ed «erano lì per ammirare il passaggio ravvicinato al Giglio», ha detto ancora Ursino rispondendo alle domande del pm che chiedeva chi fossero gli «ospiti» sul ponte di comando, luogo della nave solitamente riservato solo agli addetti alla navi. I quattro accompagnavano il comandante Schettino e sono previsti come testimoni del pm dopo la deposizione di Ursino. Ursino ha anche detto che, tra i presenti, «Schettino parlava più di tutti con Tievoli, che si avvicinò alla consolle di comando, posizionandosi alla sinistra del comandante». «Schettino - continua il teste - chiese a Tievoli se avesse contattato il comandante in pensione Palombo per informarsi in relazione al passaggio ravvicinato al Giglio» che la Concordia stava per compiere. «Palombo - prosegue il teste - verrà chiamato da Tievoli». Il timoniere indonesiano sbagliò due volte a comprendere i comandi di Schettino, e a ripeterli, ma il comandante non intervenne e non prese provvedimenti se non dicendo «"otherwise we go on the rocks" (altrimenti andiamo sulle rocce)», dice poi Ursino. «Mi misi a fianco del timoniere poiché si andava con navigazione manuale», dice Ursino, e anche perché talvolta c'era necessità di «ripetergli gli ordini, che gli venivano dati in inglese». «Lo feci di mia iniziativa».

 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente interventi Civitanova referendum annunciato responsabile capogruppo dichiarato Comunicato possibilità associazioni dipendenti all'interno lavoratori attraverso amministrazione condizioni condannato manifestazione intervento commissione pubblicato Alessandro democrazia Redazionale maggioranza importante ambientale parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE L'opinione territorio REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information