1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
компьютерная помощь на дому
новости Винницы

Soldi-Casa

(ASCA) - Roma, 10 ago - In merito alle imposte sugli immobili, Confedilizia ribadisce il suo favore a una 'service tax' basata su presupposti di terzieta', laddove definisce ''inaccettabile'' l'eventuale 'baratto' tra Irpef e Imu. ''La nuova tassazione degli immobili ci sara

', e sara' accettata, se nascera' anzitutto nella chiarezza'', premette in una nota il presidente di Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani. ''E - prosegue - tanto per cominciare, da nessun pulpito si deve mischiare l'Irpef con l'Imu proponendo inaccettabili baratti, tanto piu' che ci sono anche molti capannoni industriali colpiti dallo sfitto involontario''. Secondo il numero uno di Confedilizia, inoltre ''e' un'ignominia pensare di penalizzare immobili, di qualsiasi genere, non locati quando tutti sanno che alla base di tale loro stato c'e' la crisi e non la speculazione, come fa finta di credere chi e' condizionato da ottocentesche ideologie. La gente - decreta Fogliani - si ribellerebbe. Accetterebbe, invece, quella service tax che la Confedilizia ha proposto gia' nella sua audizione in senato del 13 giugno scorso proprio perche' questa tassa e' caratterizzata dalla terzieta', dall'oggettivita' e, in particolare, dalla sua capacita' di inserirsi nella logica di un federalismo non di imposte aggiuntive, come finora accaduto, ma di concorrenza che porterebbe al buongoverno e, in primo luogo, a risparmi nella spesa pubblica'', conclude il presidente di Confedilizia. com-stt/lus

туризм и отдых
обзоры недвижимости

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information