Login

Chi è on.line

Abbiamo 559 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3275
Web Links
4
Visite agli articoli
8899510
LOGIN/REGISTRATI
Mercoledì, 20 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
...Ecco il quarto giro di rincari.

pompa di benzina

Milano, 02 settembre 2013 - Avviene di rado ma questa volta Eni si è mossa di domenica, ritoccando al rialzo i prezzi raccomandati di benzina e diesel di 0,8 centesimi euro/litro. Nel week-end da registrare anche gli aumenti di Ip (sabato) e di TotalErg (oggi) dello stesso importo e sempre su entrambi i prodotti. Si tratta del quarto giro di aumenti per i prezzi dei carburanti all’indomani dell’avvio del cosiddetto ‘effetto Siria’ sebbene, sempre nel fine settimana, le quotazioni abbiano confermato un trend in discesa con la benzina che ha perso 9,5 euro/mille litri e il diesel 4,5.Sul territorio intanto i prezzi praticati sono ancora in salita, a seguito dei rincari della scorsa settimana. Le medie nazionali della benzina e del diesel adesso sono rispettivamente a 1,847 e 1,750 euro/litro (gpl a 0,814). Le punte in alcune aree sono invece per la ‘verde’ fino a 1,892 euro/litro, il diesel a 1,779 e il gpl a 0,844. La situazione più nel dettaglio a livello Paese (sempre in modalita’ ‘servito’), secondo quanto risulta in un campione di stazioni di servizio che rappresenta la situazione nazionale per Check-Up prezzi Qe, vede il prezzo medio praticato della benzina che va oggi dall’1,837 euro/litro di Eni all’1,847 di Tamoil (no-logo a 1,726). Per il diesel si passa dall’1,742 euro/litro di Esso e Shell all’1,750 ancora di Tamoil (no-logo a 1,624). Il gpl infine è tra 0,803 euro/litro di Esso e 0,814 di Tamoil (no-logo a 0,751).
BORSE - Ma il rinvio dell’attacco americano alla Siria, il balzo della manifattura cinese (ai massimi da 16 mesi) e il calo dello spread Btp-Bund a 245 punti base. E’ un mix di fattori quello che spinge a metà seduta i listini europei, che venerdì avevano anche subito una brusca battuta d’arresto. Milano guadagna così l’1,5%, Londra l’1,6%, Francoforte e Parigi recuperano l’1,7%.
Tra i protagonisti i titoli telefonici: dopo la maxi transazione tra Verizon e Vodafone, gli operatori scommettono sul surriscaldamento del risiko continentale, a partire da Telecom Italia (+5% a Piazza Affari) e da Vodafone (+4% a Londra). La stessa Goldman Sachs, inoltre, ha migliorato il proprio giudizio (da cauto a neutrale) sull’intero comparto telefonico europeo. A Milano sugli scudi anche Buzzi (+3,4%) e le principali banche, favorite dal calo dei rendimenti, con Intesa Sanpaolo (+2,5%) e Unicredit (+2,7%) mentre Salvatore Ferragamo (+2,4%) corre insieme al lusso grazie ai report positivi degli analisti dopo la semestrale. In coda al listino, realizzi su Saipem (-0,6%) che aveva corso settimana scorsa per il caro petrolio e su Autogrill (-0,4%). Sul mercato valutario l’euro è stabile rispetto all’apertura a 1,321 dollari.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information