Login

Chi è on.line

Abbiamo 477 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3275
Web Links
4
Visite agli articoli
8889302
LOGIN/REGISTRATI
Lunedì, 18 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
ilva taranto
Lo Stato italiano non garantisce il rispetto delle prescrizioni Ue sulle emissioni industriali, con gravi conseguenze per salute e ambiente. È questo il risultato dell’accertamento disposto dalla Commissione Europea, che ha avviato una procedura di infrazione contro l’Italia per l’Ilva di Taranto.
Matteo Marini - 1 Ottobre 2013 - La Commissione Ue ha avviato una procedura di infrazione contro l’Italia per l’Ilva di Taranto
Caso Ilva: lo Stato italiano non garantisce il rispetto delle prescrizioni Ue sulle emissioni industriali, con gravi conseguenze per salute e ambiente. È questo il risultato dell’accertamento disposto dalla Commissione Europea, che ha avviato una procedura di infrazione contro l’Italia per l’Ilva di Taranto.

La “bacchettata” di Bruxelles arriva dopo il maxi sequestro di qualche settimana fa ai danni della famiglia Riva e l’annuncio successivo di 1.500 licenziamenti tra i lavoratori dell’azienda. In particolare, il nostro paese è ritenuto inadempiente sulla norma per la responsabilità ambientale. Su sollecitazione di Janez Potocnik, commissario europeo per l’ambiente, la Commissione ha inviato all’Italia una lettera di costituzione in mora, concedendole due mesi per rispondere.

Tra le problematiche riscontrate, spiega Bruxelles in una lunga nota, la gran parte derivano dalla “mancata riduzione degli elevati livelli di emissioni non controllate generate durante il processo di produzione dell’acciaio”, come prescritto dalla direttiva sulla prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento.

Le prove effettuate in laboratorio hanno evidenziato “un forte inquinamento dell’aria, del suolo, delle acque di superficie e delle falde acquifere, sia sul sito dell’Ilva, sia nelle zone abitate adiacenti della città di Taranto. In particolare, l’inquinamento del quartiere cittadino di Tamburi è riconducibile alle attività dell’acciaieria”.

Nel testo viene evidenziata anche una responsabilità delle autorità italiane: “non hanno garantito che l’operatore dello stabilimento dell’Ilva di Taranto adottasse le misure correttive necessarie e sostenesse i costi di tali misure per rimediare ai danni già causati”.

La Commissione ammette però che qualche sforzo sino adesso è stato fatto, ma non basta: “pur ritenendo un segnale positivo i recenti impegni assunti dalle autorità italiane per rimediare alla situazione dell’Ilva, chiede tuttavia all’Italia di rispettare gli obblighi cui è tenuta ai sensi della direttiva Ippc e della direttiva sulla responsabilità ambientale. La Commissione è pronta ad aiutare le autorità italiane nei loro sforzi per risolvere queste questioni gravi”.

“Quello dell’Ilva”, spiega il commissario Potocnik, “è un chiaro esempio del fallimento nell’adottare misure adeguate per proteggere la salute umana e l’ambiente. Nonostante una procedura di infrazione che la Commissione ha avviato nel 2008 a causa di centinaia di stabilimenti che in Italia operavano senza le necessarie autorizzazioni ambientali previste dalla direttiva Ippc, lo stabilimento di Taranto ha ottenuto un’autorizzazione solo nel 2011, e il permesso poi ritenuto inadeguato, era stato aggiornato nel 2012”.

La reazione del governo di Enrico Letta non si è fatta attendere. “Bruxelles riconosce il lavoro positivo del governo sull’Ilva”, ha dichiarato il Ministro per l’Ambiente, Andrea Orlando, aggiugendo: “La prima risposta alla procedura di infrazione sarà l’approvazione del nuovo piano ambientale che, come previsto dal decreto, sarà sottoposto preliminarmente nelle prossime settimane a consultazione pubblica. Gli interventi di risanamento e di innovazione che i commissari stanno ultimando sono parte essenziale di questa risposta”.

Monica Frassoni, Presidente del Partito verde europeo, inquadra la vicenda in un modo nettamente diverso: “ contrariamente a quanto dichiarato ieri dal ministro Orlando, la decisione della Commissione è ‘contro’ il Governo: l'assenza di azioni risolutive da parte di Roma che rende improbabile anche in futuro una adeguata gestione della situazione, sta alla base dell'azione della Commissione, di solito estremamente prudente prima di attaccare gli Stati membri”.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information