Login

Chi è on.line

Abbiamo 946 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3274
Web Links
4
Visite agli articoli
8863826
LOGIN/REGISTRATI
Martedì, 12 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

produzione-industriale-640(Fonte: Il Fatto Quotidiano) - La percentuale di italiani senza lavoro, secondo le previsioni di via Nazionale, salirà al 12,8% quest’anno e al 12,9% nel 2015. La ripresa resta quindi "largamente trainata dalle esportazioni” a fronte “di una domanda interna, in particolare per consumi, ancora debole”

- La disoccupazione continuerà a crescere, anche l’anno prossimo. La timida ripresa del Pil attesa nel 2014 (+0,7%) e quella stimata nel 2015 (+1%), secondo l’ultimo bollettino della Banca d’Italia, non avranno infatti effetti consistenti sull’occupazione. Anzi. La percentuale di italiani senza lavoro, stando alle previsioni di via Nazionale, salirà al 12,8% quest’anno e al 12,9% nel 2015. La ripresa resta quindi “largamente trainata dalle esportazioni” a fronte “di una domanda interna, in particolare per consumi, ancora debole”.

Palazzo Koch segnala che la ripresa in atto nella seconda metà del 2013 sta lasciando fuori le imprese più piccole e quelle orientate sul mercato interno, presenti maggiormente al Sud Italia. Anche l’Istat, d’altronde, ha fatto sapere a inizio gennaio che la disoccupazione giovanile ha raggiunto il picco massimo dall’inizio delle serie storiche, ovvero dal 1977, al 41,6% nel mese di novembre 2013. A pesare sulla ripresa italiana, secondo Bankitalia, è la stretta sul credito. Il calo dei finanziamenti alle imprese (-8% nei tre mesi terminanti a novembre) continua infatti a “rappresentare un freno alla ripresa”. Pesa in particolare la bassa domanda per investimenti l’elevato rischio di credito la pressione della crisi sui bilanci bancari.

Nel bollettino economico la Banca d’Italia ha pubblicato anche i dati sull’inflazione: ”Le previsioni dell’inflazione al consumo per il biennio sono state riviste al ribasso rispetto alle proiezioni pubblicate in luglio, poco sopra l’1% quest’anno, attorno all’1,4% il prossimo”, riporta il documento. Palazzo Koch affronta infine il “rischio modesto di una deflazione generalizzata, anche se il calo dell’inflazione potrebbe essere più accentuato e persistente di quanto prefigurato, specie se la debolezza della domanda si riflettesse sulle aspettative”.

I numeri diffusi da Bankitalia sono quindi tutt’altro che rassicuranti. E proprio ieri la Banca centrale europea ha sollevato dei dubbi anche sulla ripresa dell’intera area euro. ”I rischi collegati all’outlook economico per l’Eurozona continuano ad essere al ribasso”, si legge nel bollettino mensile dell’Eurotower, che sottolinea come “gli sviluppi nelle condizioni dei mercati finanziari e monetari globali e le relative incertezze hanno il potenziale per influire negativamente sulle condizioni economiche”.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Ecoambiente interventi responsabilità Civitanova annunciato referendum capogruppo dichiarato responsabile possibilità associazioni Comunicato dipendenti all'interno amministrazione condizioni attraverso condannato lavoratori manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato Napolitano situazione QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE L'opinione territorio REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information