Login

Chi è on.line

Abbiamo 740 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
48
Articoli
3300
Web Links
4
Visite agli articoli
10541493
LOGIN/REGISTRATI
Lunedì, 06 Luglio 2020
 
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

DEPUTATA DE GIROLAMO( fonte IL FATTO QUOTIDIANO).La discussione è stata rinviata a martedì. Resta irrisolto il nodo dell'esenzione ai terreni agricoli spinta dal ministro De Girolamo, per la quale mancano 400 milioni di copertura Nella telenovela dell’abolizione dell’Imu, oggi è il momento dello stop.

Perché l’eliminazione dellaseconda rata sulla prima casa, che era in discussione oggi nel consiglio dei ministri, è slittata. Se ne tornerà a parlare martedì prossimo. Il governo non è ancora riuscito a trovare le coperture necessarie, pari a 2,4 miliardi di euro. Mancano ancora 400 milioni, la cifra che consentirebbe di confermare l’esenzione anche per le aree agricole, a cui non vuole rinunciare il ministro dell’Agricoltura Nunzia De Girolamo. E proprio su tale questione oggi è saltata la trattativa. “Martedì saranno approvati entrambi i provvedimenti” sull’Imu e sulla rivalutazione delle quote di Bankitalia e “la seconda rata dell’Imu non sarà pagata perché questo è un impegno da tempo preso” ha assicurato dopo il consiglio dei ministri il presidente Enrico Letta. Per ora il governo ha trovato solo 2 miliardi di copertura, assicurati dall’aumento degli acconti Irap e Ires di banche e assicurazioni. Oltre alla richiesta degli agricoltori, i Comuni vogliono che venga assicurato il gettito atteso per il 2013, il che richiederebbe ulteriori 500 milioni di euro. In pratica, nel calcolare le coperture necessarie all’esenzione sia dalla prima che dalla seconda rata, il governo ha sempre fatto riferimento agli introiti dell’ultimo anno di pagamento, il 2012. L’anno scorso dall’Imu sulla prima casa e su terreni e fabbricati agricoli a dicembre entrarono 2,4 miliardi di euro. Ma nel 2013 600 Comuni hanno aumentato l’aliquota base del 4 per mille, portandola in molti casi al 6 per mille, con una differenza rispetto al 2012 che ammonta appunto a circa mezzo miliardo di euro. Risorse che ora mancano dai bilanci comunali e che le amministrazioni chiedono dunque come compensazione allo Stato centrale. La questione su cui oggi si è interrotta la discussione è però il nodo dei terreni agricoli, su cui si è scatenata la tutt’altro che sottile polemica tra Forza Italia e Nuovo centro destra, rappresentato dal ministro De Girolamo. Il ministro è stato tirato in ballo nei giorni scorsi dagli ex colleghi di partito, capitanati da Maurizio Gasparri e Renato Brunetta, perché mantenesse una linea coerente nonostante la scissione nel Pdl e difendesse gli agricoltori, oltre che la linea ‘no-tax’ del Popolo della libertà. Una sfida che la De Girolamo ha raccolto in pieno, assicurando il suo sostegno nei fatti oltre che nelle parole.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto interventi particolare Civitanova annunciato referendum responsabile dichiarato capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso condizioni amministrazione condannato manifestazione lavoratori intervento commissione pubblicato Alessandro Redazionale democrazia importante maggioranza parlamentari ambientale situazione presentato Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information