Login

Chi è on.line

Abbiamo 525 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3275
Web Links
4
Visite agli articoli
8885150
LOGIN/REGISTRATI
Domenica, 17 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

social-card-acai1Siamo nel mezzo dell'ennesima commedia degli equivoci tipicamente italiana. Peccato che a farne le spese sia quel quarto di popolazione in sofferenza economica e sociale. Tutto inizia con una dichiarazione. «Negli emendamenti riformulati dai relatori vi è un importante intervento, seppur sperimentale, per il contrasto alla povertà: l'introduzione di un reddito minimo di inserimento che avvia un percorso in alcune grande aree metropolitane».

Queste le parole inspiegabilmente festanti utilizzate dal Vice-ministro Fassina per presentare uno strumento che nulla ha a che fare con il reddito minimo garantito (Rmg), con il quale è stato confuso sia dallo stesso Viceministro che da gran parte della stampa nazionale, chissà se per dolo o per ignoranza. L'emendamento governativo non introduce neanche la misura che la Commissione voluta dal Ministro del Welfare Giovannini nel giugno scorso definiva «un istituto nazionale di contrasto alla povertà»: il «Sostegno per l'inclusione attiva» (Sia). Di quella Commissione facevano parte autorevoli studiosi come Tito Boeri e Chiara Saraceno che proprio in questi giorni tornano a difendere quel progetto: un reddito minimo di inserimento (Rmi), su base familiare, di lotta alla povertà e all'esclusione sociale, i cui costi erano valutati intorno agli 8 miliardi di euro annui. Fassina gioisce per aver introdotto una non meglio specificata sperimentazione, finanziata con 120 milioni di euro triennali: 40 milioni annui. Siamo dopo il ridicolo: la farsa si affianca alla tragedia, purtroppo. A nulla vale ribadire, con la calma dell'argomentazione ragionevole, che questo sussidio, sperimentale, temporaneo e circoscritto, sembra essere un'estensione dell'inadeguata social card voluta dai Governi Berlusconi e Monti: una misura caritatevole, una piccola elemosina miserevole che riguarderebbe solo un frammento infinitesimale di quei milioni di famiglie in difficoltà.Perciò fa ancora più rabbia e tristezza che sia un esponente della sinistra Pd a creare queste false aspettative, illudendo con proclami azzardati larga parte del suo elettorato impoverito e milioni di persone in condizioni esistenziali sempre più disagiate. C'è da sperare, e sarebbe comunque un bel problema, poiché stiamo parlando di un Vice-ministro all'Economia, che sia andato in confusione, sia riguardo alla misura, che all'entità dei fondi. Torna purtroppo necessario ribadire quanto di più scontato: facendo ammenda con le lettrici e i lettori più avveduti. A oltre venti anni dal primo richiamo delle istituzioni europee (1992), l'Italia rimane uno dei due Paesi Ue senza una qualche forma di Rmg. È anche utile ricordare che il Rmg non è un sussidio di povertà, un'elemosina di Stato. È il tentativo di garantire il fondamentale diritto all'esistenza: un investimento pubblico che promuova l'autodeterminazione individuale e la solidarietà collettiva, per sfuggire ai ricatti. La base per nuove politiche sociali e un Welfare universale. Qualcosa che appare del tutto incomprensibile ai burocrati della Legge di stabilità; e questo è forse prevedibile. Ma anche agli esponenti della sinistra parlamentare e governativa; e questo ci dà la misura del fallimento di quella rappresentanza politica.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information