Login

Chi è on.line

Abbiamo 450 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3275
Web Links
4
Visite agli articoli
8873666
LOGIN/REGISTRATI
Venerdì, 15 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

RENZIUn’intervista a Repubblica di Matteo Renzi innesca uno scontro tutto interno alla coalizione di governo tra il sindaco e il vicepremier Alfano.

Osservato che i democrat hanno 300 deputati e il Ncd 30, il candidato alla segreteria di Largo del Nazareno avverte tutti che d’ora in avanti l’agenda del governo la detterà il Pd e, in mancanza delle necessarie riforme, addio maggioranza. Secca la replica del segretario dell’ex Pdl: «Se Renzi ha l’obiettivo di prendere la sedia di Letta lo dica con chiarezza senza girarci attorno come si faceva con la vecchia politica». Alfano abbozza anche una spiegazione dell’atteggiamento del sindaco: «Renzi le spara grosse per arrivare primo per voti e votanti alle primarie. Per fortuna la corsa si chiude tra una settimana», conclude il vicepremier, che al Tg2 dice di «non essere preoccupato» dalle dichiarazioni di Renzi. Il quale, da Venezia, ribatte: «Caro Alfano noi non pensiamo alle poltrone, ma al bene del Paese, dell’Italia». A dire il vero, l’intervista di Renzi ha sollevato preoccupazioni anche all’interno del Pd. Gianni Cuperlo l’ha letta come un «ultimatum al governo», manifestando le sue «perplessità» e paventando «rischi per l’unità del partito». Nulla di tutto questo per Dario Franceschini che, continuando nel suo ruolo di mediazione, afferma di «essere certo che Renzi non farà cadere il governo. Lo pungolerà dall’esterno. C’è un’intesa - certifica il ministro dei Rapporti col Parlamento - tra Enrico e Matteo, sono amici da tanti anni. E poi bisogna smetterla di dire che quando ci sono due leader debbono essere per forza l’uno contro l’altro». Polemico, invece, con il sindaco di Firenze Maurizio Lupi, che - intervistato da Maria Latella a SkyTg24 - si chiede: «Vogliamo aprire una crisi buttando l’Italia allo sbando? Se Renzi - aggiunge il ministro delle Infrastrutture - ha il problema di sostituire Letta dica che a marzo si vota e si assuma le sue responsabilità». Quanto all’osservazione renziana sulla disparità nei numeri, Lupi soggiunge: «Se i 300 deputati pd (e non senatori) fossero stati così sufficienti, allora perché Bersani non ha fatto il governo?». Sullo stesso argomento replica anche il ministro delle Riforme Gaetano Quagliariello: «Dell’Ncd c’è un peso specifico e c’è anche un peso politico. Noi pensiamo di dover esercitare il peso specifico e il peso politico». Un altro membro del governo come Beatrice Lorenzin sposta la discussione con Renzi sul piano delle «proposte concrete che il Nuovo centrodestra ha fatto per confrontarti con Letta e Alfano su un atto di governo fino al 2015. Ora - sostiene il ministro della Salute - meno dichiarazioni e più fatti: dicci chiaramente se vuoi un patto per il bene dell’Italia o se vuoi assumerti la responsabilità del voto a marzo».di Mario Stanganelli

 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information