Login

Chi è on.line

Abbiamo 670 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3276
Web Links
4
Visite agli articoli
8914309
LOGIN/REGISTRATI
Venerdì, 22 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

def natoMen­tre nella «spen­ding review» il governo pro­mette una ridu­zione di 300–500 milioni nel bilan­cio della difesa — senza dire nulla, a quanto pare sugli F35 — , l’Italia sta assu­mendo nella Nato cre­scenti impe­gni che por­tano a un ine­vi­ta­bile aumento della spesa mili­tare, diretta e indi­retta.

La Nato non cono­sce crisi. Si sta costruendo un nuovo quar­tier gene­rale a Bru­xel­les: il costo pre­vi­sto in 460 milioni di euro, è quasi tri­pli­cato salendo a 1,3 miliardi. Lo stesso è stato fatto in Ita­lia, dove si sono spesi 200 milioni di euro per costruire a Lago Patria una nuova sede per il Jfc Naples: il Comando inter­forze Nato agli ordini dell’ammiraglio Usa Bruce Clin­gan – allo stesso tempo coman­dante delle Forze navali Usa in Europa e delle Forze navali Usa per l’Africa – a sua volta agli ordini del Coman­dante supremo alleato in Europa, Phi­lip Breed­love, un gene­rale sta­tu­ni­tense nomi­nato come di regola dal pre­si­dente degli Stati uniti. Tali spese sono solo la punta dell’iceberg di un colos­sale esborso di denaro pub­blico, pagato dai cit­ta­dini dei paesi dell’Alleanza. Vi è anzi­tutto la spesa iscritta nei bilanci della difesa dei 28 stati mem­bri che, secondo i dati Nato del feb­braio 2014, supera com­ples­si­va­mente i 1000 miliardi di dol­lari annui (circa 750 miliardi di euro), per oltre il 70% spesi dagli Stati uniti. La spesa mili­tare Nato, equi­va­lente a circa il 60% di quella mon­diale, è aumen­tata in ter­mini reali (al netto dell’inflazione) di oltre il 40% dal 2000 ad oggi.Sotto pres­sione degli Stati uniti, il cui bud­get della difesa (735 miliardi di dol­lari) è pari al 4,5% del pro­dotto interno lordo, gli alleati si sono impe­gnati nel 2006 a desti­nare al bilan­cio della difesa come minimo il 2% del loro pil. Finora, oltre agli Usa, lo hanno fatto solo Gran Bre­ta­gna, Gre­cia ed Esto­nia. L’impegno dell’Italia a por­tare la spesa mili­tare al 2% del pil è stato sot­to­scritto nel 2006 dal governo Prodi. Secondo i dati Nato, essa ammonta oggi a 20,6 miliardi di euro annui, equi­va­lenti a oltre 56 milioni di euro al giorno. Tale cifra, si pre­cisa nel bud­get, non com­prende però diverse altre voci. In realtà, cal­cola il Sipri, la spesa mili­tare ita­liana (al decimo posto su scala mon­diale) ammonta a circa 26 miliardi di euro annui, pari a 70 milioni al giorno. Adot­tando il prin­ci­pio del 2%, que­sti sali­reb­bero a oltre 100 milioni al giorno.Agli oltre 1000 miliardi di dol­lari annui iscritti nei 28 bilanci della difesa, si aggiun­gono i «con­tri­buti» che gli alleati ver­sano per il «fun­zio­na­mento della Nato e lo svi­luppo delle sue atti­vità». Si tratta per la mag­gior parte di «con­tri­buti indi­retti», tipo le spese per «le ope­ra­zioni e mis­sioni a guida Nato». Quindi i molti milioni di euro spesi per far par­te­ci­pare le forze armate ita­liane alle guerre Nato nei Bal­cani, in Afgha­ni­stan e in Libia costi­tui­scono un «con­tri­buto indi­retto» al bud­get dell’Alleanza.Vi sono poi i «con­tri­buti diretti», distri­buiti in tre distinti bilanci. Quello «civile», che con fondi for­niti dai mini­steri degli esteri copre le spese per lo staff dei quar­tieri gene­rali (4000 fun­zio­nari solo a Bru­xel­les). Quello «mili­tare», com­po­sto da oltre 50 bud­get sepa­rati, che copre i costi ope­ra­tivi e di man­te­ni­mento della strut­tura mili­tare inter­na­zio­nale. Quello di «inve­sti­mento per la sicu­rezza», che serve a finan­ziare la costru­zione dei quar­tieri gene­rali, i sistemi satel­li­tari di comu­ni­ca­zione e intel­li­gence, la crea­zione di piste e approdi e la for­ni­tura di car­bu­rante per le forze impe­gnate in ope­ra­zioni bel­li­che. Circa il 22% dei «con­tri­buti diretti» viene for­nito dagli Stati uniti, il 14% dalla Ger­ma­nia, l’11% da Gran Bre­ta­gna e Fran­cia. L’Italia vi con­tri­bui­sce per circa l’8,7%: quota non tra­scu­ra­bile, nell’ordine di cen­ti­naia di milioni di euro annui. Vi sono diverse altre voci nasco­ste nelle pie­ghe dei bilanci. Ad esem­pio l’Italia ha par­te­ci­pato alla spesa per il nuovo quar­tier gene­rale di Lago Patria sia con la quota parte del costo di costru­zione, sia con il «fondo per le aree sot­tou­ti­liz­zate» e con uno ero­gato dalla Pro­vin­cia, per un ammon­tare di circa 25 milioni di euro (men­tre man­cano i soldi per rico­struire L’Aquila). Top secret resta l’attuale con­tri­buto ita­liano al man­te­ni­mento delle basi Usa in Ita­lia, quan­ti­fi­cato l’ultima volta nel 2002 nell’ordine del 41% per l’ammontare di 366 milioni di dol­lari annui. Sicu­ra­mente oggi tale cifra è di gran lunga superiore.Si con­ti­nua così a get­tare in un pozzo senza fondo enormi quan­tità di denaro pub­blico, che sareb­bero essen­ziali per inter­venti a favore di occu­pa­zione, ser­vizi sociali, dis­se­sto idro­geo­lo­gico e zone ter­re­mo­tate. E i tagli di 6,6 miliardi, pre­vi­sti per il 2014, potreb­bero essere evi­tati tagliando quanto si spende nel mili­tare in tre mesi.Il Manifesto

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia ambientale maggioranza importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information