Login

Chi è on.line

Abbiamo 445 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3275
Web Links
4
Visite agli articoli
8873804
LOGIN/REGISTRATI
Venerdì, 15 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
...andare al voto "Via alla campagna acquisti"
votazioni
ROMA, 28 agosto 2013 - LA «MAGGIORANZA silenziosa» che nel caso Silvio Berlusconi decida di staccare la spina al governo dovrebbe sostenere un eventuale governo Letta bis fa già molto rumore. Tanto da scatenare prese di distanza a raffica (prima i senatori del Sud Salvo Torrisi, Francesco Scoma, Pippo Pagano, poi anche Vincenzo D’Anna, Antonio Milo, Pietro Langella e Ciro Falanga, tutti Pdl). Ma nel giorno in cui i primi ‘sospettati’ si proclamano fedeli e leali rispetto a qualsiasi scelta del Cavaliere, è il sottosegretario alla Pubblica amministrazione Gianfranco Miccichè a rilanciare la palla. In campo avversario.
«So per certo — attacca il leader di Grande Sud — che nel Pd stanno già lavorando alla campagna acquisti nel centrodestra per sostenere un Letta bis». Ma, avverte, «non troveranno molti parlamentari disposti a esporsi e a giocarsi una rielezione in cambio di nulla». Secondo Miccichè «non sono certo i lettiani» a condurre l’operazione: «Letta subisce sorridendo». Macchinazione che per Miccichè è destinata a fallire perché nel Pd «i franchi tiratori contro Letta sarebbero ben più numerosi degli improbabili sostenitori reclutati nel Pdl».
IN EFFETTI chi si diletta a comporre il pallottoliere del Senato, prefigurando lo scenario del Letta bis, spiega che servirebbero non solo «venti senatori del centrodestra», ma anche l’appoggio di qualcuno di Sel e di qualche grillino. Ma, attenzione, sui 13 senatori renziani nessuno dei ‘bookmaker’ di Palazzo Madama è pronto a scommettere. Loro, i renziani, dribblano le domande limitandosi a osservare che intanto sono impegnati «come tutto il Pd a sostenere l’azione del governo Letta perché raggiunga gli obiettivi che servono al Paese».
A stoppare l’ipotesi sugli smottamenti del gruppo Pdl ci pensa il capogruppo Renato Schifani secondo il quale «mai alcun senatore ha manifestato sofferenza o perplessità sulla linea politico-parlamentare» del Pdl e inoltre «tutti i senatori eletti nel Pdl sono legati al presidente Berlusconi da forti vincoli di amiciziapersonale oltre che di assoluta vicinanza politica». Ma se è di Paolo Naccarato il copyright di «maggioranza silenziosa», il collega di partito nel gruppo Gal, Luigi Compagna, liquida la prospettiva come «prematura e impropria».
MA UN ESPERTO di queste cose come Domenico Scilipoti — il cui passaggio dall’Idv al gruppo dei Responsabili fu decisivo per salvare l’ultimo governo guidato da Berlusconi — ricorda non a caso che ogni parlamentare «ha a disposizione l’articolo 67 della Costituzione (sulla mancanza del vincolo di mandato, ndr) per fare buon uso del proprio mandato». Insomma in alcuni casi si ricorre alla scelta di coscienza: «Essere responsabili — conclude Scilipoti — non vuol dire solo avere la possibilità di scegliere, ma anche assumersi le responsabilità che derivano dalle scelte». Enigmatico.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information