1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
компьютерная помощь на дому
новости Винницы

POLAQUE--190x130

Polesine acque, sei dirigenti in organico di cui cinque a mansioni ridotte e Nadia Stoppa, responsabile amministrativo.

 

A Polesine acque due dirigenti, Nadia Stoppa e Alberto Zuolo, hanno i requisiti e l’età per il pensionamento. La riorganizzazione della pianta organica ha invece redistribuito le mansioni aumentando quelle di Stoppa, responsabile amministrativo della società.

In tempi di vacche magre, le parole d’ordine degli amministratori negli enti pubblici dovrebbero essere contenimento dei costi, risparmio e tagli alle spese. Il tutto all’insegna della trasparenza, come impone la legge.

Polesine acque, invece, sembra andare in controtendenza, benché abbia grosse difficoltà a far quadrare i conti e a chiudere i bilanci. Polaque è l’azienda (una spa) a totale capitale pubblico che gestisce il servizio idrico nei comuni del bacino Polesine (ex Ato acqua, per intenderci), ovvero nei 50 comuni polesani più il Comune di Cavarzere (Ve) ed il Comune di Castagnaro (Vr).
E’ guidata dal presidente Alessandro Mazzoni (foto a lato), dal vicepresidente Alessandro Ferlin, sindaco di Lendinara, e dal consigliere Massimo Bordin, sindaco di San Bellino.

Nelle scorse settimane, la pianta organica dei dipendenti di Polesine acque è stata riorganizzata, dato che sono state assunte sei nuove figure tra tecnici di rete e centrali. Ma il nodo della questione riguarda i dirigenti.
Ad oggi, i dirigenti sono sei, di cui uno, Nadia Stoppa, è stata investita di “superpoteri”. E’ il responsabile amministrativo della società e dipende direttamente dal presidente Mazzoni. Stoppa, insieme ad un altro dirigente, Alberto Zuolo, ha i requisiti e l’età per il pensionamento.

Con la riorganizzazione della pianta organica, gli altri quattro dirigenti si sono trovati “svuotati” di una parte delle proprie mansioni. In pratica, le loro mansioni sono state trasferite e concentrate nelle mani di Stoppa. Il costo di ogni dirigente è di 100mila euro lordi all’anno.
E a proposito di trasparenza, dal sito di Polesine acque è impossibile saperne di più dato che l’azienda sta adeguando i propri sistemi informativi alla luce delle disposizioni più recenti.

A questo punto, una domanda sorge spontanea: le aziende hanno la possibilità di prepensionare i propri dirigenti. Quanto risparmierebbe Polesine acque se facesse la stessa cosa?

туризм и отдых
обзоры недвижимости

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information