Login

Chi è on.line

Abbiamo 538 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3275
Web Links
4
Visite agli articoli
8885202
LOGIN/REGISTRATI
Domenica, 17 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
..."No alla guerra, evitare massacri".

bergoglio

Mosca, 5 settembre 2013 - Sul G20 di San Pietroburgo incombe giocoforza il possibile conflitto siriano, e la tensione tra le superpotenze è alle stelle. In tutto ciò s'inserisce un

 nuovo intervento di Papa Francesco, che dopo aver ricevuto molte adesioni per la giornata di digiuni per la pace di sabato, avrebbe avuto direttamente contatti telefonici con Putin, Assad e Obama. Sul versante delle tensioni in Siria, invece, Teheran fa sapere che 'sosterrà Damasco fino alla fine'.

CONTATTI CON I GRANDI - Papa Francesco avrebbe compiuto in questi giorni diversi passi verso leader e governiinteressati dalla crisi siriana. Si parla con insistenza di contatti con Assad, Putin e Obama. Secondo El Clarin, il giornale di Buenos Aires, il Vaticano starebbe facendopressioni anche sulla Francia, l’unico paese europeo che si è detto finora deciso a seguire Washington nell’azione militare contro Assad, e altre potenze mondiali. Il giornale osserva alla fine del suo breve pezzo che l’interessamento del Papa non è puramente diplomatico: gli preme la protezione dei cristiani del Medio Oriente, sempre più isolati e vittime ovunque del fondamentalismo islamico, che li associa con l’Occidente. La Siria di Assad era uno dei pochi paesi dell’area in cui i cristiani godevano della piena tolleranza e protezione del regime. Padre Federico Lombardi "smentisce categoricamente" che ci sia stata una telefonata del Papa al leader siriano Assad.

LA LETTERA A PUTIN - Quanto ai contatti con Putin, il portavoce vaticano Federico Lombardi rende noto che Il Papa ha scritto al presidente russo Vladimir Putin una lettera in occasione del G20 (di cui il leader russo è presidente) per chiedere che il G20 si adoperi per evitare il "rischio di nuove sofferenze" che si profila per la popolazione siriana, già provata dal “massacro a cui stiamo assistendo". "A tutti - sono le parole di Bergoglio - rivolgo un sentito appello". Per il Papa cercare una soluzione negoziale "è dovere morale di tutti i governi del mondo". "Il Papa - ha spiegato il portavoce, padre Federico Lombardi - è evidentemente contrario a qualunque intervento militare".

G20 AL VIA - Si apre oggi a San Pietroburgo il summit G20, contrassegnato dalla crisi siriana e da un clima di altissima tensione fra le due superpotenze che non ha precedenti per questo tipo di vertice, tanto che il leader del Cremlino non avrà un vero bilaterale con il capo della Casa Bianca.

Si doveva parlare principalmente di economia e invece l’imminente attacco statunitense al regime di Bashar al Assad ha trasformato il vertice in una specie di Consiglio di Sicurezza, con tutti i leader mondiali presenti.

Enrico Letta incontra oggi Putin a metà giornata. Il presidente del Consiglio è stato uno tra i pochi eletti, l’unico europeo, per un faccia a faccia con il padrone di casa, insieme con il leader cinese Xi Jinping e il premier giapponese Shinzo Abe. Putin parteciperà ovviamente alle riunioni in ambito Brics previste durante la due giorni di San Pietroburgo oggi e domani. Barack Obama incontrerà il presidente Francois Hollande, uno dei più convinti sostenitori dell’intervento militare in Siria. A sua volta, quest’ultimo avrà un colloquio con il premier turco Recep Tayyip Erdogan.

IRAN CON LA SIRIA - L’Iran sosterrà la Siria “fino alla fine” di fronte a un eventuale attacco militareguidato dagli Stati Uniti, ha affermato il capo della Quds Force, l’unità di elite iraniana, Qassem Soleimani.“L’obiettivo degli Stati Uniti non è di proteggere i diritti umani, ma distruggere il fronte di resistenza” contro Israele. “Sosterremo la Siria fino alla fine”, ha ribadito Soleimani parlando all’Assemblea degli Esperti, l’organismo che collabora con la Guida Suprema, Ayatollah Ali Khamenei.

AVVERTIMENTO DI MOSCA - La Russia intende porre la questione dei rischi nucleari in caso di attacco militare contro la Siria al la prossima riunione del Consiglio dei governatori dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea), che si terrà il 9 settembre, ha affermato il ministero degli Esteri di Mosca.

Ieri il portavoce del ministero Alexander Lukashevich ha spiegato che Mosca è preoccupata perché un attacco potrebbe, volontariamente o non volontariamente, interessare siti nucleari. “Nel caso in cui icombattimenti raggiungano intenzionalmente o non intenzionalmente il reattore Mnsr che si trova vicino a Damasco, le conseguenze potrebbero essere disastrose: la possibile contaminazione dei territori adiacenti con uranio altamente arricchito, il fall-out e l’attuale impossibilità conseguente di controllare e mettere in sicurezza i materiali nucleari della struttura”, ha spiegato ieri in un comunicato il portavoce russo.

Per evitare questo scenario, Mosca chiede alla segreteria dell’Aiea di agire immediatamente e di fornire agli stati membri una valutazione dei rischi dell’eventuale attacco Usa. In particolare, Mosca s’è detta preoccupata per la sorte del “Miniature Neutron Source Reactor” (Mnsr) SRR-1 è un reattore sperimentale fornito dalla Cina su modello del reattore canadese e operativo dal 1998, che si trova vicino Damasco.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information