Login

Chi è on.line

Abbiamo 857 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3278
Web Links
4
Visite agli articoli
9033808
LOGIN/REGISTRATI
Martedì, 10 Dicembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

barion

SANITA’ - L’AMMINISTRATORE DEL CENTRO ATTIVITÀ MOTORIE LANCIA L’ALLARME NEL PRIMO GIORNO DI FERIE FORZATE

Marco Randolo ROVIGO - “Qui ormai, con questi tagli ai nostri budget, si vive alla giornata. A fine anno tireremo le somme: ci sarà da valutare persino se continuare a tenere aperto o meno”.

E’ amaro lo sfogo di Arnaldo Barion, amministratore del Centro Attività Motorie di Rovigo, nel primo giorno di “ferie forzate” della struttura di via Fusinato. Da ieri, e fino a lunedì 26 agosto prossimo, al Centro, infatti, non si faranno le terapie. Tutto sospeso. Una sorta di protesta coordinata tra le varie strutture convenzionate del Polesine e del Padovano, che hanno visto tagliarsi il budget regionale. “Un taglio - sottolinea Barion, che è anche amministratore del Centro Medico di Rovigo e del Centro Medico Polesano di Giacciano con Baruchella - che per le nostre tre strutture è stato del 75%, mentre nelle altre Ulss del Veneto si è fermato circa al 30%. Un’assurdità”. Che rischia di mettere in ginocchio le tre strutture. Tra cui, solo il Centro Medico di Rovigo può dormire sonni tranquilli. Il Cam, invece, come rivela Barion a fine anno potrebbe rischiare persino di abbassare definitivamente la serranda, mentre l’ambulatorio di Giacciano, nel complesso del centro commerciale Il Faro - sono ancora parole di Barion - “vive una situazione di grande difficoltà”. Nel tardo pomeriggio di ieri, a Padova, la sanità convenzionata ha protestato contro la diminuzione del budget che mette a rischio molti posti di lavoro. Non è la prima manifestazione di questo tipo: a metà marzo, sempre nel capoluogo euganeo, sfilarono in duemila; un mese fa, sempre a Padova, un sit in vide la partecipazione anche molti lavoratori polesani. Ieri, complici le ferie, non erano molti i lavoratori presenti a Padova. “Ma con il cuore siamo lì”, dicono dal Centro Attività Motorie. Dove, ieri, nel primo giorno di ferie forzate, erano presenti soltanto due dipendenti, all’accettazione. Le prenotazioni per settembre, infatti, restano aperte mentre tutte le terapie sono sospese fino all’ultima settimana del mese. “Rispetto a gennaio - ricorda Barion - non abbiamo rinnovato una decina di contratti in scadenza”. Un taglio a cui si aggiunge la fuoriuscita di sette dipendenti più un dirigente operata in accordo con le organizzazioni sindacali. Nella struttura, dunque, restano al lavoro due dozzine di persone. Ma l’aria che tira, a causa dei tagli regionali, non è delle migliori. Anche se Barion, nonostante tutto, vuole andare avanti. “In autunno - svela - vareremo delle tariffe private. Ormai a pagamento non viene più nessuno, perché la crisi batte per tutti. Piange il cuore a dover mandare via delle persone per motivi di denaro: così non si può andare avanti”. “Tra l’altro - conclude masticando amaro nei confronti delle scelte regionali - con questi provvedimenti ci hanno tolto tutta la mobilità extraprovincia: attiravamo pazienti dalla bassa Padovana e dal Veronese, adesso non viene più nessuno”. Un declino che, dalle parti del Cam, tutti sperano di poter arrestare. E pensare che per farlo basterebbe che la Regione concedesse l’extra-budget previsto da un accordo integrativo per la specialistica convenzionata che reintegra in parte i finanziamenti tagliati.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente interventi Civitanova referendum annunciato responsabile capogruppo dichiarato Comunicato possibilità associazioni dipendenti all'interno lavoratori attraverso amministrazione condizioni condannato manifestazione intervento commissione pubblicato Alessandro democrazia Redazionale maggioranza importante ambientale parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE L'opinione territorio REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information