Login

Chi è on.line

Abbiamo 728 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3275
Web Links
4
Visite agli articoli
8894563
LOGIN/REGISTRATI
Martedì, 19 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 2
ScarsoOttimo 

guglielmo ferrarese

LENDINARA IL SEGRETARIO DELLA LEGA NORD RIFIUTA IL PROGETTO DI PASSAGGIO DELLE ACQUE DEL FRATTA NELL’ADIGE

Il capogruppo del Carroccio: “Mi chiedo dove siano finiti i finanziamenti per la bonifica”

Samantha Martello - LENDINARA – Sversamento delle acque del Fratta nell’Adige? No, grazie. A schierarsi contro l’ipotizzato progetto, che prevedrebbe lo sversamento

delle acque del Fratta nell’Adige al fine di evitarne le esondazioni, è anche Guglielmo Ferrarese, segretario della sezione lendinarese della Lega Nord e capogruppo del Carroccio nel consiglio comunale di Lendinara. Del possibile progetto, per ora in fase di studio di fattibilità, se n’è discusso anche lo scorso 22 luglio, a Este, nell’ambito di un incontro promosso dal Consorzio di bonifica Adige Euganeo, ma la questione ha sollevato e continua a sollevare diverse perplessità anche in Polesine e, ora, anche a Lendinara. Qui, infatti, il segretario della sezione locale del Carroccio si schiera palesemente contro lo sversamento delle acque del Fratta nell’Adige, condividendo così le preoccupazioni già espresse dal consigliere regionale della Lega Cristiano Corazzari, dei cittadini e del sindaco di Castelbaldo. A suscitare preoccupazione è, nello specifico, il grado di inquinamento del Fratta, ritenuto particolarmente elevato e con la presenza di inquinanti pesanti, che attraverso il progetto di sversamento delle acque nell’Adige potrebbero finire in quest’ultimo. “L’acqua del fiume Adige è una risorsa vitale e fondamentale per il Polesine e quindi per Lendinara, Lusia, Comuni limitrofi, sia per l’uso domestico che agricolo” sottolinea preoccupato Ferrarese, che invita l’amministrazione comunale lendinarese a prendere posizione, schierandosi contro l’ipotesi di realizzazione di questo progetto. “Ritengo che l’amministrazione comunale di Lendinara debba dire di no a questo potenziale sversamento del Fratta nell’Adige, che avverrebbe attraverso delle pompe di sollevamento nel Comune di Castelbaldo, garantendo così ai nostri cittadini il diritto alla salute, diritto spesso calpestato” – evidenzia il capogruppo consiliare della Lega nord, che quindi suggerisce quale possibile alternativa la costruzione di bacini di laminazione. E conclude ricordando che “in passato il fiume Fratta ha ricevuto parecchi finanziamenti a scopo di bonifica; mi chiedo come sono stati utilizzati questi finanziamenti pubblici”.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information