Login

Chi è on.line

Abbiamo 1106 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3274
Web Links
4
Visite agli articoli
8865638
LOGIN/REGISTRATI
Mercoledì, 13 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

allagamentoL’EMERGENZA GLI AGRICOLTORI PREOCCUPATI: “SE NON SMETTE DI PIOVERE, I RACCOLTI ANDRANNO PERSI”.Gli scoli che hanno tracimato non riescono a far defluire l’acua. E le radici “affogano”. Un occhio è rivolto ai campi allagati, l’altro a scrutare il cielo per capire se pioverà ancora.

Da questo dipende, infatti, la conta dei danni che, una volta passata l’emergenza, potrebbe rappresentare una mazzata per l’agricoltura lendinarese. Anche Lendinara è stata, infatti, colpita dalle forti piogge che nei giorni scorsi si sono abbattute sul Polesine, mettendo in ginocchio le colture nei campi che da terreni fertili si sono trasformati in acquitrini e distese di acqua color fango. “La zona che ha maggiormente risentito delle piogge è quella a sud di Lendinara, dove l’acqua del territorio lendinarese, ma anche dei Comuni vicini si è riversata riempiendo gli scoli, che hanno tracimato non riescono a far defluire la grande quantità d’acqua”. A parlare è il presidente di Coldiretti Lendinara Arnaldo Conti, che fa il punto della situazione sull’emergenza che ha colpito molte aziende agricole lendinaresi. “Siamo davvero in difficoltà, sono molte le aziende che stanno risentendo delle forti piogge e della conseguente situazione di emergenza. I campi e anche le serre sono allagati e quindi incoltivabili per il momento”, spiega Conti. Ad essere sommerse dall’acqua sono soprattutto colture come il mais e la soia, ma anche verdure come l’asparago adesso di stagione e le zucchine. Sommersi alle radici anche i frutteti, piantati da poco e pronti a dare i loro frutti, che ora però sono messi in serio pericolo dalla grande quantità d’acqua presente sul terreno che potrebbe causare l’asfissia delle radici. L’emergenza non è ancora passata, ed è per questo che si guarda al cielo con timore che arrivi ancora pioggia. Il peso dei danni in termini economici dipenderà tutto dall’evoluzione. “Se l’emergenza si prolungherà nel tempo molti raccolti saranno rovinati – evidenzia amareggiato Conti – Se l’acqua aumenterà si comincerà la conta dei danni, che potrebbe essere davvero molto pesante per il settore agricolo lendinarese”. Della situazione di emergenza, fanno sapere gli agricoltori se ne sta occupando anche il Consorzio di bonifica, che potrebbe intervenire con delle pompe per agevolare il deflusso dell’acqua, così da liberare in fretta campi e colture.Samantha Martello

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Ecoambiente interventi responsabilità Civitanova annunciato referendum capogruppo dichiarato responsabile possibilità associazioni Comunicato dipendenti all'interno amministrazione condizioni attraverso condannato lavoratori manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato Napolitano situazione QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE L'opinione territorio REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information