Login

Chi è on.line

Abbiamo 1267 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3276
Web Links
4
Visite agli articoli
8907250
LOGIN/REGISTRATI
Giovedì, 21 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

LABORATORIO CINESE( fonte IL RESTO DEL CARLINO).All'interno del capannone, privo dei requisiti di sicurezza ed igienico-sanitari, sei lavoratori abusivi di nazionalità cinese.

Sono stati sorpresi aVillanova del Ghebbo nella notte del 6 dicembre, da parte dei militari appartenenti alla Compagnia di Rovigo, sei lavoratori abusivi di nazionalità cinese intenti a lavorare all’interno di un capannone privo dei requisiti di sicurezza ed igienico-sanitari.All’interno dell’opificio dove venivano assemblati capi di abbigliamento (anche di marche note) destinati ad essere rivenduti sul mercato interno, il datore di lavoro cinese aveva sistemato i suoi connazionali in alloggi abusivi ad uso “residenziale”, uno dei quali addirittura ricavato in un angusto vano - caldaia, con tanto di fornelli e bombole a gas, per uso domestico, rinvenuti all’interno di un locale destinato a cucina e refettorio.Un rapido riscontro effettuato presso i competenti uffici comunali ha consentito di accertare che il capannoneè privo dell’obbligatoria certificazione di agibilità. La porzione del capannone adibito a laboratorio tessile è risultata infatti sprovvista delle uscite di sicurezza e di un numero adeguato di estintori antincendio sebbene la stessa è stata attrezzata con oltre quaranta postazioni di lavoro (macchine per cucire e relativi tavoli) attive al momento del controllo.Anche la vicina palazzina utilizzata come abitazione da parte dei 19 cittadini asiatici presenti sul posto non è apparsa meno carente: le precarie condizioni igieniche dei locali interni, il pessimo stato degli ambienti suddivisi in numerosi angusti “spazi - dormitorio” evidenziano una situazione inadeguata a soddisfare le primarie esigenze di sicurezza ed igiene personale degli occupanti.Per tali motivi e anche perché il rischio di incendi è apparso elevato a causa di impianti fuori norma e a fronte della presenza di numerosi materiali combustibili posizionati vicino a potenziali fonti di innesco, è stato ritenuto opportuno, pertanto, richiedere l’intervento del Personale ispettivo dello Spisal di Rovigo, il quale ha effettuato sul posto i necessari rilevamenti tecnici.Al seguito dell’ispezione, i locali aziendali e le attrezzature sono stati sequestrati a scopo preventivo. Al datore di lavoro che si è reso responsabile per aver commesso le violazioni amministrative, verranno inflitte multe.

 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia ambientale maggioranza importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information