Login

Chi è on.line

Abbiamo 503 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
49
Articoli
3316
Web Links
4
Visite agli articoli
10878805
LOGIN/REGISTRATI
Sabato, 15 Agosto 2020
 
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

rapina villanova

Banditi nella casa di un imprenditore. Raffica di furti a Villanova del Ghebbo.

 

(Fonte: Il resto del Carlino del 25 settembre 2013 - di Cristina Degliesposti) - Un vero e proprio raid, chirurgico. Tre colpi messi a segno a poche ore di distanza (e di chilometri) l’uno dall’altro. L’ultimo, il quarto, è stato sventato solon dall’intervento dei carabinieri: i ladri avevano già smontato gli scuri di un’abitazione ed erano pronti per entrare in azione, ancora. Teatro della serie di colpi sono stati i vicini comuni di Villanova del Ghebbo e Costa di Rovigo. Due paesi a una manciata di chilometri di distanza che hanno offerto ai banditi i bersagli perfetti per la nottata.

Il primo dei colpi è avvenuto domenica sera, tra le 21 e le 23,30, in via Belfiore 45, a Villanova del Ghebbo. Il bersaglio era la casa di Antonio Chiggio e famiglia, titolari della Redmond, il calzaturificio aperto in città dal 1966, ma alla fine a rimetterci è stata anche — e soprattutto — l’azienda che confina con l’abitazione. In quel lasso di tempo la padrona di casa era uscita e i ladri, probabilmente appostati per seguire le mosse dei residenti, hanno atteso il momento giusto per entrare in azione. Hanno forzato una finestra dell’abitazione e, una volta dentro, hanno messo a soqquadro tutto portando via denaro e monili in oro. Non paghi, hanno infilato la porta che dà nel capannone della fabbrica e hanno proseguito nella loro opera.

«Forse non volevano colpire la fabbrica, altrimenti avrebbero rubato ben altro — spiegano dal calzaturificio che fabbrica scarpe in pelle da uomo —, ma alla fine ci hanno portato via una quarantina di paia di scarpe (danno di circa 15mila euro, ndr). Abbiamo trovato solo le scatole vuote. Gli saranno bastate alcune sporte per portare via le calzature». Con un camion avrebbero potuto fare ben altro. Per l’azienda si tratta del primo furto in quasi cinquant’anni di attività. Ma l’amaro in bocca rimane e tanto. «Dà fastidio sapere che qualcuno ha frugato in tutte le tue cose — continuano i titolari —. Non era nemmeno piovuto, quindi di orme non ne abbiamo trovate. C’è giusto un segno sul muro, sotto la finestra, dove sono entrati. Di sospetti non ne abbiamo, ma di gente soprattutto nel punto vendita al dettaglio ne viene tanta».

Forse gli stessi ladri, quella notte, si sono spostati a Costa di Rovigo dove hanno messo a segno altri due furti. Uno in via Basse Pioppe e uno in via Fermi, con bottini di circa 3mila euro in gioielli e bigiotteria. In via Fermi i ladri avevano già smontato gli scuri di un’altra abitazione quando l’arrivo di una pattuglia dell’Arma è riuscita a metterli in fuga.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

responsabilità Civitanova soprattutto annunciato referendum particolare capogruppo dichiarato responsabile possibilità Comunicato associazioni all'interno dipendenti amministrazione attraverso condizioni condannato manifestazione intervento lavoratori pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia importante maggioranza parlamentari Napolitano ambientale situazione presentato QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE L'opinione REDAZIONALE territorio Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information