1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
компьютерная помощь на дому
новости Винницы

uomini che caccianoAMICI DI DIANA IL PRESIDENTE DELLA SEZIONE ADRIESE SCRIVE AI PARLAMENTARI CRIVELLARI E MUNERATO Daniele Ceccarello: “Fermate l’emendamento che prevede l’aumento del porto d’armi”.

E’ infuriato Daniele Ceccarello, presidente della sezione adriese dei Cacciatori Veneti, nell’apprendere che un emendamento alla Legge di Stabilità prevede l’aumento della tassa sul porto d’armi ad uso caccia. E così prende carta e penna e scrive direttamente ai due parlamentari polesani: il deputato Diego Crivellari (Pd) e la senatrice Manuela Munerato (Lega). La richiesta è chiarissima: “Nessun aumento – dice Ceccarello – perché diventerebbe insostenibile per la stragrande maggioranza dei cacciatori e in questo modo si limita tale sport ad un ristretta elite di facoltosi distruggendo una secolare tradizione popolare fatta di passione, esperienza e professionalità”. Ceccarelo, nella missiva ai parlamentari, parte proprio dal constatare i danni che deriverebbero da tale aumento. “In caso di aumento della tassa di concessione governativa per licenza di porto fucile ad uso caccia – scrive - appare chiaro che in Italia si vuole stravolgere il regime di caccia libero che abbiamo ereditato dai nostri antenati per trasformarlo in regime di caccia a pagamento: la caccia, allora, diventerà possibile soltanto per chi ha il portafoglio gonfio. Faccio appello ai nostri rappresentanti polesani istituzionali – sottolinea - affinché si facciano portavoce nella commissione Bilancio affinché non ci siano questi aumenti e che venga salvaguardata l’idea che la caccia è una tradizione popolare portata avanti dalla passione”. Ma l’esponente dei Cacciatori appare alquanto preoccupato. “Abbiamo informazioni – fa sapere - che nell’ambito dei lavori della commissione Bilancio al Senato andrà in discussione la proposta di emendamento sulla Legge di Stabilità teso all’aumento della tassa di concessione governativa per le licenze di porto di fucile ad uso caccia. Mi permetto di segnalare che per quanto riguarda gli utenti cacciatori del Veneto ma, credo anche delle altre regioni, un aumento risulterebbe insostenibile se raffrontato alle ridotte capacità finanziarie della categoria composta in larga parte da pensionati e lavoratori dipendenti, costretti anche alle ristrettezze delle condizioni economiche e dei tempi di caccia vergognosamente ridotti rispetto alla confinante Francia”.Luigi Ingegneri

 

туризм и отдых
обзоры недвижимости

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information