Login

Chi è on.line

Abbiamo 987 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3274
Web Links
4
Visite agli articoli
8861412
LOGIN/REGISTRATI
Martedì, 12 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

carambapoliceCARABINIERI - POLIZIA DENUNCIATE QUATTRO PERSONE, FRA CUI DUE FRATELLI, ACCUSATI DI SPACCIO.Chiuse le indagini su decine di cessioni di droga. Il quartiere generale in un garage di via Chieppara.Spaccio di cocaina e hashish fra i giovani di Adria.

Quattro adriesi sotto accusa. Si sono chiuse le indagini portate avanti dai carabinieri e dalla polizia di Adria. Accusati di spaccio continuato in concorso sono D. C., 43enne, G. L., 23enne, R. L. 22enne e E. T., 40enne, quest’ultima tra l’altro unica donna del gruppo. Sono tutti residenti ad Adria. Inoltre sono stati individuati 11 clienti segnalati alla prefettura quali consumatori di droga. Secondo la tesi accusatoria i quattro, fra i quali una coppia di fratelli, utilizzavano un garage delle cosiddette case rosse di Adria, un caseggiato di via Chieppara, come base per la cessione di quantitativi di cocaina e hashish. Quella era la base operativa per qualche cessione degli stupefacenti e anche per il consumo. Altre volte invece, lo spaccio avveniva in diversi punti della città, a seguito di accordi presi con telefonate o altri segni convenzionali. Secondo le indagini lo spaccio è andato avanti per almeno un anno, ad ogni appuntamento le persone sotto accusa cedevano quantitativi di droga ai propri acquirenti, che andavano da mezzo grammo a tre grammi. I quattro indagati sono accusati di aver ceduto decine di dosi di droga ai giovani e ai meno giovani provenienti da Adria e da altre zone del Polesine. Avrebbero allestito una sorta di rete dello spaccio al dettaglio con cessioni frequenti anche del valore di poche decine di euro ciascuna. Per stroncare questo giro di spaccio i carabinieri della compagnia di Adria e i poliziotti del commissariato adriese hanno unito le forze per avviare una serie di indagini “vecchia maniera” cioè su strada, con accertamenti tecnici ed altri più tradizionali. Gli stessi 11 consumatori, individuati da militari e agenti, hanno poi confermato le accuse di spaccio rivolte alla “banda dei quattro”, che risultano avere precedenti penali specifici a loro carico. Per R. L., inoltre, è stata contestata la violazione relativa al fatto di aver adibito un proprio immobile (il garage) a luogo di ritrovo abituale di persone che si davano all’uso di sostanze stupefacenti. Sgominata una banda di quattro adriesi accusati di spacciare droga ai giovani e meno giovani della città e di altre zone del Polesine.Alberto Garbellini

 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Ecoambiente interventi responsabilità Civitanova annunciato referendum capogruppo dichiarato responsabile possibilità associazioni Comunicato dipendenti all'interno amministrazione condizioni attraverso condannato lavoratori manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato Napolitano situazione QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE L'opinione territorio REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information