Login

Chi è on.line

Abbiamo 787 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3275
Web Links
4
Visite agli articoli
8876264
LOGIN/REGISTRATI
Venerdì, 15 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

porto-barche-pescatori-scardovari-4111(Fonte: RovigoOggi) - In mare per 500 euro al mese, mentre i dirigenti del comparto guadagnano 10 volte di più. Vladimiro Mancin, presidente della cooperativa Santa Giulia, si dimette per protesta - I pescatori non ce la fanno più.

Così si sono riuniti per costituirsi in comitato ad hoc di soli pescatori che in primis ce l’hanno con i loro dirigenti e consiglieri. Anche il sindaco Bellan viene tirato per la giacchetta. Vladimiro Mancin ha dato le dimissioni dal consorzio Scardovari.

Cresce la rabbia dei pescatori messi in ginocchio dalla crisi. E’ una situazione al limite quella che sta vivendo il comparto della pesca delle varie cooperative consociate al Consorzio di Scardovari. Due giorni di riunioni con adesione massiva dei pescatori testimoni di una tragedia dal punto di vista economico che si sta consumando sotto gli occhi di tutti. Nella prima riunione, svoltasi lunedì 28 ottobre presso il circolo Acli centro anziani di Porto Tolle, ha partecipato circa un centinaio di pescatori. Per la prima volta una rivolta di massa. Per la prima volta un’adesione variegata ed espressione delle diverse cooperative. La loro voce di protesta è servita per documentare la disperazione e la rabbia di questi lavoratori, che faticano a portare avanti una tradizione del territorio che è anche voce importante dell’economia locale, ma che ad oggi, lamentano essere servita ad arricchire i soliti e pochi “noti”. Lamentano stipendi bassissimi che rasentano i 500 euro mensili, un decimo delle indennità riconosciute invece a chi amministra questa gestione definita ormai “sorpassata e da regime”. Hanno così deciso di costituirsi in comitato e hanno deciso di toccare tutte le frazioni. 

E’ il caso di dirlo, questa volta i pescatori sono sul piede di guerra e ce l’hanno con tutti i dirigenti del loro comparto: presidenti, consiglieri e direttore commerciale, ma tirano per la giacca anche il sindaco Bellan, al quale chiederanno di farsi dalla loro parte. La prima riunione era stata indetta esclusivamente per i pescatori, ma la presenza non programmata di alcuni rappresentati del Consorzio e delle cooperative ha comportato un malumore generale tra gli intervenuti che ha scaturito il rinvio stesso del tavolo di discussione. 

Il secondo incontro si è svolto martedì sera, 29 ottobre, al teatro parrocchiale di Polesine Camerini, l’adesione è stata leggermente inferiore. Lo scopo di questo incontro è stato quello, appunto, di creare un comitato costituito esclusivamente dai pescatori. Un comitato che avrà il compito di tutelare la loro posizione dal punto di vista economico, e non solo, e di aprire un tavolo di discussione con le istituzioni e la nuova giunta comunale. Nelle discussioni, intanto, si è rivelata di rilievo la presa di posizione delle donne: madri e mogli di pescatori che hanno testimoniato quanto invano siano stati negli anni gli appelli dei loro mariti presso i propri rappresentanti di cooperativa, colpevoli, a loro dire, di non aver mai agito concretamente a difesa dei loro associati ai tavoli preposti, di fatto allineandosi al sistema. Inoltre hanno sottolineato il risvolto del problema sotto il profilo sociale, ovvero la mancanza di un futuro certo per i giovani. In questo contesto hanno quindi appoggiato pienamente la scelta delle dimissioni di protesta verso il consorzio di Scardovari del presidente della cooperativa Santa Giulia, Vladimiro Mancin. 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information