Login

Chi è on.line

Abbiamo 997 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3274
Web Links
4
Visite agli articoli
8861423
LOGIN/REGISTRATI
Martedì, 12 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

vanni destro

Vanni Destro, da sempre contrario alla riconversione a carbone, chiede alla Provincia di esprimersi sulla proposta di accordo transattivo del colosso energetico.

(Fonte: RovigoOggi del 14 agosto 2013) - Secondo Vanni Destro, la Provincia che non si è ancora espressa sulla proposta di accordo transattivo avanzata da Enel, ha un’occasione per non “svendere” il proprio territorio. Tra i comuni che hanno accettato la transazione, ovvero 130mila euro per uscire dalle parti civili del processo per disastro ambientale, ci sono Ariano, Corbola, Loreo, Porto Viro e Taglio di Po. Con loro c’è anche l’Ente Parco delta del Po.

Rosolina ha rinunciato all’accordo, così come Porto Tolle, Mesola e Codigoro in provincia di Ferrara. Anche la Provincia guidata da Tiziana Virgili dovrà decidere cosa fare e per Destro, un passaggio in consiglio provinciale potrebbe essere l’occasione per discuterne.

In questi giorni si fa un gran discutere di transazione Enel - enti locali polesani “migliorinizzati”, assistiti cioè dall'avvocato Luigi Migliorini, per uscire dal processo a carico della multinazionale elettrica per disastro ambientale correlato alle emissioni della centrale di Polesine Camerini. Tutti i comuni del legale adriese (Ariano, Corbola, Loreo, Porto Viro e Taglio di Po), tranne uno (Rosolina, lodato per questo addirittura da Isi Coppola) e l'Ente Parco del delta del Po, anch’esso assistito da Migliorini e presieduto, guarda caso, dal sindaco di Porto Viro Gennari, hanno accettato la transazione mentre altri comuni interessati al problema in quanto essi stessi parte civile nello stesso procedimento giudiziario, Porto Tolle in Polesine e Mesola e Codigoro in provincia di Ferrara, e che hanno altri avvocati a rappresentarli hanno rifiutato l'accordo. Inoltre pure la Provincia di Rovigo non ha deciso nulla. Il caso più eclatante è proprio Porto Tolle che di Enel e della centrale è sempre stato sostenitore, ma che, stavolta, ritiene incongrua la somma, 130mila euro, proposta da Enel e irricevibile la richiesta che su quella stessa somma si proceda verso un accordo tombale nel senso del “chi ha dato, ha dato e chi ha avuto, ha avuto”. I due comuni del basso ferrarese tengono una posizione simile e, in più hanno in ballo risarcimenti da Enel per contenziosi precedenti. La Provincia con un piede nella fossa ancora non si è pronunciata, ma il bel gesto dei morituri, magari con un bel passaggio di discussione in consiglio provinciale sul tema, sarebbe un buon modo per farsi ricordare positivamente dai polesani divenuti veronesi o chissà cos'altro. Virgili, Brusco, Negri, Gulmanelli coraggio, avete detto tante volte che amate il vostro territorio e per questo vi battete per mantenerlo autonomo nella gestione amministrativa, fate vedere che non lo svendete per un piatto di lenticchie. Politici e amministratori polesani dimostrate che la lezione del rigassificatore di Porto Levante è stato proficua e che certi accordi offensivi come la miseria delle compensazioni per quell'impianto pericoloso e nocivo per salute, economia e ambiente non avranno più a ripetersi. L'avvocato Migliorini (chissà se è mai stato davvero contro il carbone Enel, al di là delle dichiarazioni sbandierate) è sempre intento a cucire accordi che mai prevedano impegni diretti in un processo e, viste le posizioni di altri legali nella questione, non sarebbe il caso di tenerlo a bagnomaria almeno fino a processo iniziato? Un processo con gli enti locali parte civile potrebbe essere, cinicamente, anche più fruttuoso per le esauste casse delle vostre amministrazioni, altrimenti perché Enel sarebbe tanto desiderosa di chiudere preventivamente e definitivamente ogni contenzioso? Un po' di riflessione e la dignità di non finire, come troppo presso accade, mendicanti per convenzione, magari vi fa sentire meglio anche in mezzo ai vostri concittadini.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Ecoambiente interventi responsabilità Civitanova annunciato referendum capogruppo dichiarato responsabile possibilità associazioni Comunicato dipendenti all'interno amministrazione condizioni attraverso condannato lavoratori manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato Napolitano situazione QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE L'opinione territorio REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information