Login

Chi è on.line

Abbiamo 841 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3274
Web Links
4
Visite agli articoli
8863460
LOGIN/REGISTRATI
Martedì, 12 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

vanni destro

(Fonte: Facebook)
Ora che anche Porto Tolle ha detto con chiarezza che non aderirà all'accordo di transazione con Enel per ritirarsi dal processo che vede

i vertici passati imputati per disastro ambientale si può sperare in un processo giusto in cui tutte le parti in causa siano rappresentate.
Certo il sindaco Bellan spiega i motivi che hanno spinto lui e la giunta portotollese a rifiutare l'accordo evidenziandone soprattutto le negatività economiche e la rivendicazione di un canale preferenziale nei rapporti col colosso elettrico anche per quel che riguarda l'eventuale compensazione, ma, implicitamente, boccia l'azione dell'avvocato Migliorini che avrebbe, secondo Bellan, "fatto pressione" sui Comuni da lui patrocinati per levarli dal processo in cambio di incongrue contropartite.
Bellan afferma che l'avvocato Chiarato, legale del Comune di Porto Tolle, si sarebbe attenuto alle decisioni dell'amministrazione comunale senza tentare forzature.
A questo punto viene spontaneo porsi una domanda: perchè l'avvocato Migliorini, oltre a informare i propri assistiti della proposta di transazione, avrebbe "fatto pressione" su di essi?
Tornando alle ragioni di Porto Tolle Bellan parla di contenziosi riguardanti ICI e Imu non risolti con Enel e di lavori di smantellamento e mai pronuncia le parole salute e ambiente, ma, conoscendo la linea atavica del Comune deltino la cosa sorprende poco.
L'importante è che resti nel processo.
È da sottolineare anche il fatto che fino a poco tempo fa il sindaco Bellan era assessore provinciale e questo deposita favorevolmente relativamente ad un analogo pronunciamento della Provincia e, ribadisco, sarebbe atto lodevole che, pur se non vincolata per legge, la stessa favorisse una discussione consiliare aperta prima di assumere decisioni in merito.
Un atto di apertura democratica che ne rivaluteebbe il ruolo di ascolto e difesa del territorio.
Da ultimo una semplice domanda rivolta soprattutto a sindaci e amministratori pubblici che la transazione hanno accettato: essendo essi, per legge, i primi responsabili della salute pubblica, nel caso si evidenziassero responsabilità dell'Enel e si arrivasse a dimostrare in sede legale che inquinamento prodotto dalla centrale e malattie sono correlate come risponderebbero a quei concittadini che da tali patologie siano o saranno colpiti?
E, domanda per i tecnici della legge, non vi è l'ipotesi di chiamata in causa di detti amministratori nel caso qualche malato intendesse chiedere risarcimenti?
L'impressione è che la questione, pressione o meno, sia stata presa con eccessiva leggerezza, soprattutto se si ammette, come ha fatto il transante sindaco di Porto Viro nonchè Presidente dell'Ente Parco del delta Geremia Gennari, di non possedere conoscenze o strumenti per valutare il giusto risarcimento, e che il Polesine e i suoi abitanti meritino maggior attenzione da parte di quanti amministrano il bene comune.

Vanni Destro

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Ecoambiente interventi responsabilità Civitanova annunciato referendum capogruppo dichiarato responsabile possibilità associazioni Comunicato dipendenti all'interno amministrazione condizioni attraverso condannato lavoratori manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato Napolitano situazione QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE L'opinione territorio REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information