Login

Chi è on.line

Abbiamo 291 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
49
Articoli
3347
Web Links
4
Visite agli articoli
11117889
LOGIN/REGISTRATI
Martedì, 29 Settembre 2020
 
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

furgone

Si chiama Ion Purice il camionista che domenica si è trasformato in eroe, salvando con il suo intervento una bambina di 8 anni

sbalzata fuori dall’auto del padre a causa di un violento incidente lungo l’A4, all’altezza di Dalmine. Operata di nuovo la bambina vittima dell’incidente in A4 A4, si mette di traverso con il Tir per salvare una bambina ferita Il camionista 29enne, di origine rumena, ma residente da tre anni a Taglio di Po insieme alla moglie e al figlio di tre anni, domenica stava viaggiando verso Porto Viro per riportare il camion all’azienda Bierreti, dove lavora da tre anni: dal finestrino ha visto prima il violento impatto della Ford Galaxy in cui viaggiava la famiglia di origine marocchina, poi la bambina volare fuori dal parabrezza. E senza pensarci su nemmeno un attimo ha virato subito prima di raggiungere il mezzo incidentato, facendo scudo con il suo camion e bloccando così tutte le auto che stavano sopraggiungendo e che avrebbero travolto il corpo della piccola ricaduto sull’asfalto. Il tutto nella più completa umiltà: Purice non appena ha visto i mezzi di soccorso assistere la bambina se ne è andato senza lasciare traccia e senza pretendere ringraziamenti dal padre. "Non pretendo nulla: è stato naturale — racconta Ion Purice mentre sta tornando in Italia dall’Olanda —. Mi sono accorto dell’incidente e mi sono messo di traverso per proteggere la bambina che era sull’asfalto. Sono consapevole di aver rischiato anch’io con questa manovra, visto che stavano arrivando della auto, ma per fortuna erano lontane e hanno frenato. Ho guardato gli specchietti e non ho ragionato molto. Sono contento di aver fatto una cosa buona, ma quello che spero ora è che la bambina stia bene e si riprenda. Non mi aspettavo tanto clamore e non voglio regali: un grazie mi basta e avanza e sono comunque contento di avere dato una mano. Faccio i miei migliori auguri alla famiglia maarocchina: sono padre anch’io e quando ho visto la bambina volare a terra ho avuto davvero paura per lei". Poi all’arrivo della polizia se n’è andato: "Non volevo disturbare la famiglia durante i soccorsi, c’era molto caos. Ho preferito tornare a casa". E senza raccontare nulla nemmeno all’azienda per cui lavora: "Scusate se ho fatto tardi — si è scusato con il suo titolare —. Sono rimasto coinvolto in un incidente". Un incidente che senza di lui si sarebbe trasformato in tragedia. Caterina Zanirato

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Civitanova soprattutto annunciato responsabilità capogruppo dichiarato responsabile particolare associazioni possibilità dipendenti referendum Comunicato all'interno condizioni amministrazione attraverso manifestazione condannato lavoratori pubblicato intervento Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza importante Napolitano presentato ambientale situazione parlamentari QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE L'opinione REDAZIONALE Gazzettino territorio RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information