Login

Chi è on.line

Abbiamo 1341 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3276
Web Links
4
Visite agli articoli
8906369
LOGIN/REGISTRATI
Giovedì, 21 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

shoah2(Fonte: La Voce di Rovigo - Sara Dainese) - Oltre 150 studenti saranno ospiti a Palazzo Celio, Virgili: “Devono sapere cosa è successo” - Oltre 150 studenti, più 30 eventi, 11 Comuni e 13 istituti di vario grado. Sono solo alcuni dei numeri delle celebrazioni polesane per la giornata della memoria che ricorrerà lunedì prossimo. “La memoria non si deve affievolire

- afferma la presidente della Provincia Tiziana Virgili - Ciò che è accaduto non si deve mai ripetere e perchè questo avvenga occorre parlare ai nostri giovani per spiegargli quale fortuna sia vivere in uno Stato democratico e libero”. L’incontro in Provincia Proprio per l’importanza di raccontare ai giovani quanto accaduto, la Provincia lunedì ospiterà oltre 150 studenti di sei istituti cittadini (Itis Viola, Ipsia Marchesini, geometri Bernini, Itc De Amicis e Ipssct Marco Polo). “Oltre all’incontro con le autorità - spiega la presidente - i ragazzi ascolteranno l’intervento di Ahron Locci, rabbino capo della comunità ebraica di Padova. Verrà, inoltre, presentato il libro “Kr 73456 Un internato ad Essen” della giovanissima Beatrice Benà che ha deciso di raccontare la storia di suo nonno. per i ragazzi ascoltare una storia così, raccontata da una loro coetanea sarà certo un valore aggiunto a tutta la giornata”. Giornata che si concluderà con la deposizione delle corone d’alloro al cimitero ebraico e all’ex ghetto ebraico. Le scuole Gli istituti scolastici hanno un posto di rilievo nelle celebrazioni e molte scuole hanno già tenuto le loro manifestazioni che proseguiranno fino alla fine del mese per arrivare, in certi casi, fino in primavera dove gli istituti compieranno gire scolastiche in linea con l’argomento. L’istituto comprensivo Rovigo 1, a questo proposito, ha intrapreso un progetto che comprende anche lo studio approfondito della figura di Giovanni Palatucci. “Il progetto in cui abbiamo coinvolto i ragazzi della media Bonifacio - spiega la dirigente Maria Rita Pasqualin - ha dato un ottimo riscontro. I ragazzi parteciperanno alla terza edizione del concorso bandito dall’associazione e marzo saremo in gita a Strasburgo dove oltre all’Europarlamento visiteremo un campo di concentramento”. A scegliere viaggi di istruzioni affini anche il liceo Bocchi - Galilei di Adria e il Paleocapa di Rovigo. Gli istituti che celebreranno la giornata, oltre alla media Bonifacio e al liceo Paleocapa di Rovigo dove l’incontro si è svolto il 12 dicembre, saranno: i comprensivi di Ariano e Porto Viro, l’istituto comprensivo e il Colombo di Porto Tolle, il liceo Bocchi - Galilei e il polo tecnico di Adria, il Celio - Roccati di Rovigo, il Primo Levi e il Bari di Badia ed il Munari di Castelmassa. Associazioni e enti Oltre alle istituzioni e alle scuole sono coinvolte anche diverse associazioni e istituzioni: il comitato Palatucci, l’associazione Il Fiume, l’associazione Polizia di Stato e l’Archivio di Stato di Rovigo. Proprio quest’ultimo, come l’anno scorso, ha previsto un momento d’incontro con lo storico Claudio Vercelli, autore del libro “Il negazionismo. Storia di una menzogna” per una relazione che prende le mosse da “I sommersi e i salvati” di Primo Levi. Molto attiva anche l’associazione Il Fiume: “Ho cercato di raccogliere il testimone lasciato da Luciano Bombarda - afferma Maria Chiara Fabian - per continuare il suo lavoro di ricerca in materia. Collaboriamo con le scuole tutto l’anno perchè il percorso sia consapevole e si possa evitare l’affanno e l’improvvisazione dell’ultimo minuto”. Secondo Fabian, inoltre, “è necessario riportare i fatti realmente accaduti senza enfasi perchè diventino storia e si possa cancellare l’ombra del negazionismo. Quando anche l’ultimo testimone sarà scomparso, starà a noi fare storia di quel che rimane”. Della stessa opinione anche Flavio Ambroglini, presidente del Comitato Palatucci: “Mio padre è stato internato - racconta - e ho esperienza diretta di ciò che è stato l’inferno dei campi ma bisogna imparare a riportarlo con taglio storico e senza enfasi”. Comuni e istituzioni Celebrazioni, eventi, incontri, proiezioni e concerti si terranno nei Comuni di Adria, Costa, Fiesso, Fratta, Castelmassa, Ficarolo, Lendinara e Taglio di Po. Nel Comune di Stienta le celebrazioni si sono già tenute lo scorso 17 gennaio. Gli eventi sparsi sul territorio sono coordinati dalla Provincia di Rovigo con la Prefettura e il Comune di Rovigo.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia ambientale maggioranza importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information