Login

Chi è on.line

Abbiamo 655 visitatori e un utente online

  • hypermilan

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3298
Web Links
4
Visite agli articoli
10240163
LOGIN/REGISTRATI
Martedì, 26 Maggio 2020
 
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

casello-libero-villabona-mestre-global-project(Fonte: Il Manifesto) - Anche il Veneto risponde all’appello dei NoTav e si mobi­lita con­tro le Grandi Opere. Venerdì cen­tri sociali e comi­tato Opzione Zero hanno «libe­ra­liz­zato» il casello auto­stra­dale di Vene­zia.

Nella mat­ti­nata di ieri i comi­tati del Pole­sine hanno impe­dito lo svol­gi­mento del con­ve­gno sulla Orte Mestre. Una ini­zia­tiva con­tro le ser­vitù mili­tari è stata messa in atto anche a Vicenza, con razzi e fuo­chi d’artificio con­tro la base Dal Molin.

L’iniziativa più spet­ta­co­lare e inno­va­tiva svolta nell’ambito della «due giorni» di lotta pro­mossa dall’assemblea dei comi­tati e delle asso­cia­zioni ambien­ta­li­ste del Veneto «30N» è stata comun­que quella svol­tasi al casello auto­stra­dale. Circa 150 atti­vi­sti hanno occu­pato tre caselli per circa un paio di ore con­sen­tendo agli auto­mo­bi­li­sti di tran­si­tare gra­tui­ta­mente. «L’autostrada l’abbiamo già pagata con le nostre tasse — ha spie­gato Mat­tia Dona­del del comi­tato Opzione Zero — La Con­ces­sioni Auto­strade Venete dopo aver deva­stato mezza regione con pas­santi e tan­gen­ziali ha sco­perto che sono inu­tili per­ché gli auto­mo­bi­li­sti per evi­tare di pagare pedaggi pesan­tis­simi pre­fe­ri­scono per­cor­rere le vec­chie strade». L’iniziativa si è svolta senza creare nes­sun intral­cio al traf­fico, anzi, con la totale soli­da­rietà degli automobilisti.

Non meno impor­tante l’azione svol­tasi ieri mat­tina ad Adria, nel cuore del Pole­sine, dove un folto gruppo di atti­vi­sti ha impe­dito lo svol­gi­mento di un con­ve­gno sulla Orte Mestre cui avreb­bero dovuto par­te­ci­pare anche il mini­stro delle Infra­strut­ture Mau­ri­zio Lupi e l’assessore regio­nale alla Mobi­lità, Renato Chisso.

«La sirena delle Grandi Opere non incanta più nes­suno — spiega Tom­maso Cac­ciari del Morion di Vene­zia — Mose, Pas­sante, Mestre Orte e Tav non ser­vono ad altro che a deva­stare l’ambiente per far con­ver­gere denaro pub­blico nelle tasche dei pri­vati. Biso­gna met­tere in sicu­rezza il ter­ri­to­rio e garan­tire ser­vizi pub­blici effi­cienti. L’unica Grande Opera che vogliamo è casa e red­dito per tutti».

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

interventi soprattutto Civitanova particolare annunciato referendum dichiarato capogruppo responsabile Comunicato associazioni possibilità all'interno dipendenti condannato attraverso amministrazione condizioni manifestazione lavoratori intervento commissione pubblicato Alessandro Redazionale democrazia maggioranza importante parlamentari ambientale presentato Napolitano situazione QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE L'opinione territorio REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information