Login

Chi è on.line

Abbiamo 931 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3280
Web Links
4
Visite agli articoli
9080607
LOGIN/REGISTRATI
Sabato, 14 Dicembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

fratta gorozne inquinato

Salvan, presidente dell'Adige-Euganeo, difende il progetto che porterenne le acque del fiume inquinato nell'Adige.

Promessa una campagna di analisi e comparazione sulla qualità delle acque, con l'Arpav e i Servizi Idrici Integrati.
(Fonte: La Voce di Rovigo del 26 luglio 2013)

ROVIGO - Mentre i sindaci polesani e gli ambientalisti si stanno schierando contro il progetto che vorrebbe scolmare le acque del Fratta - Gorzone, uno dei fiumi più inquinati del Veneto, nel nostro Adige, per evitare le piene del canale, il Consorzio Adige Eugano tira acqua al suo mulino e per bocca del suo presidente Antonio Salvan promette: "E' un progetto idraulico che serve per la sicurezza di cinquemila ettari". Il bacino, cioè, lambito dal Fratta Gorzone che tocca i comuni dalla Bassa Padovana e Cavarzere. "5000 ettari senza più allagamenti!". Questo è - appunto - lo slogan da Salvan, in occasione dell'incontro per la presentazione dell'idea progettuale di un intervento per la deviazione delle portate di piena del fiume Fratta Gorzone nel fiume Adige in località Spazzolare, nel Comune di Castelbaldo. Secondo i tecnici del Consorzio di bonifica Adige Eugano, l'ipotesi di realizzare un sistema idraulico che scolmi, all'occorrenza, le portate di piena del fiume Fratta Gorzone adducendole nel fiume Adige, è una possibile risposta ai periodici e ripetuti allagamenti che si registrano nei territori dei Comuni di Merlara, Casale di Scodosia, Megliadino S. Vitale, Masi, Piacenza d'Adige, S. Margherita d'Adige, Vighizzolo d'Este, Sant'Urbano, Stanghella, Boara Pisani, Pozzonovo, Anguillara Veneta, Bagnoli di Sopra (in Provincia di Padova), Cona e Cavarzere (in Provincia di Venezia).

"Si tratta di un'operazione che metterebbe al sicuro quasi tutta la zona della bassa padovana, ovvero 5.000 ettari in cui si andrebbero ad evitare danni alle colture agricole ma anche ai fabbricati urbani e infrastrutture viarie", ribadisce il Consorzio. Questo in risposta al sindaco di Castelbaldo Claudio Pasqualin, capofila di un gruppo che si oppone al progetto, perché "il fiume è inquinato, tanto che in molti comuni toccati dal Fratta - sostiene Pasqualin - vigono ordinanze di divieto di uso delle acque del Fratta anche per uso agricolo".

"L'area meridionale del nostro comprensorio consortile - ha spiegato il Presidente Antonio Salvan - gravita idraulicamente sul fiume Fratta Gorzone, con scarico delle acque tramite i numerosi im-pianti idrovori in gestione. La situazione attuale, parla chiaro: il fiume Fratta, non può sopportare livelli idrometrici elevati a causa della fragilità dei suoi argini e così, sempre più di frequente nell'ultimo quinquennio, viene disposta dall'Autorità Regionale la sospensione dei funzionamenti delle pompe idrovore, causando quindi l'esondazione degli scoli e dei collettori consortili con l'allagamento conseguente dei territori".

L'ipotesi progettuale presentata prevede di scaricare le portate di piena del Fratta, convogliandole nell'esistente scolo Fossetta e mediante nuovi sistemi di pompaggio riversarle nel Fiume Adige. Il sistema di diversione funzionerebbe 4 0 5 volte all'anno e limitatamente alle 36 e 48 ore necessarie statisticamente per superare lo stato di crisi del Fratta.

"L'opera è fattibile dal punto di vista tecnico, anche perché - continua Salvan - utilizzerebbe infrastrutture idrauliche in parte già esistenti. Tuttavia, necessita di un'attenta valutazione sull'eventuale peggioramento della qualità delle acque del Fiume Adige, conseguente al ricevimento delle acque di piena del Fiume Fratta". "L'Adige - prosegue è - infatti - il corso d'acqua per l'approvvigionamento irriguo dei Servizi Idrici Integrati posti a valle di Castelbaldo".

Il Consorzio si è posto l'obiettivo di effettuare una campagna di analisi e comparazione sulla qualità delle acque, in, collaborazione con l'Arpav e i Servizi Idrici Integrati, come azione prelimi-nare e propedeutica all'eventuale proseguo della fase progettuale dell'opera. Nel corso della riunione di lunedì scorso, a cui hanno partecipato numerosi Sindaci del territorio, il Consigliere Regionale Azzalin, il Presidente del Centro Veneto Servizi, rappresentanti di Legambiente e delle Associazione Agricole di Categoria, oltre all'Autorità di Bacino competente e al Genio Civile di Padova, sono state avanzate perplessità e preoccupazioni, proprio sull'eventuale impatto di potenziale inquinamento delle acque del Fiume Adige, pur ribadendo la necessità e l'urgenza di prevedere e realizzare opere o infrastrutture idrauliche in grado di evitare gli allagamenti del vasto territorio segnalato.

Il Presidente del Consorzio ha assicurato di attivare un sistema di valutazione di tali aspetti coinvolgendo tutti i soggetti interessati, facendo peraltro presente che questa idea progettuale vuole essere un contributo concreto e uno stimolo per gli Organismi Regionali competenti, al fine di poter migliorare le condizioni di sicurezza idraulica del territorio così pesantemente colpito da allagamenti e ristagni d'acqua che ormai si ripetono numerosi anche tre o quattro volte nel corso di un anno.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Ecoambiente soprattutto particolare Civitanova annunciato referendum dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso condizioni condannato amministrazione lavoratori manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione democrazia Redazionale ambientale importante maggioranza parlamentari presentato Napolitano situazione QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information