Login

Chi è on.line

Abbiamo 724 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3274
Web Links
4
Visite agli articoli
8869774
LOGIN/REGISTRATI
Giovedì, 14 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 5
ScarsoOttimo 

susanna ferroIL CASO APPELLO DISPERATO DEL MARITO DELLA 49ENNE CHE IL 3 NOVEMBRE HA TENTATO IL SUICIDIO. Ghiotti: “Ha bisogno di ricevere la riabilitazione neurologica. Per assisterla pronto a lasciare il lavoro” .“Aiutate mia moglie ad uscire dallo stato vegetativo”.

L’appello arriva da Gianpaolo Ghiotti, il marito di Susanna Ferro, la 49enne infermiera ricoverata in rianimazione dopo il tentativo di suicidio dello scorso 3 novembre. Ghiotti, impiegato all’ufficio tecnico dell’Ulss 18 si rivolge a chiunque possa contribuire alla riabilitazione neurologica di Susanna: “Mia moglie - racconta quasi in lacrime - tra poco lascerà il reparto di rianimazione. Potrebbe essere trasferita nel reparto di lungodegenza, questo ha detto il medico. Secondo me però, ed anche secondo altri pareri medici, dovrebbe essere ricoverata in una struttura specializzata in riabilitazione neurologica. Il San Camillo di Venezia sarebbe l’ideale, e per questo ho fissato un colloquio a fine mese con i responsabili del centro. Ma non sarà facile perché i posti letto non sono tantissimi. Ma io chiedo aiuto, e ringrazio anche tutti gli addetti della Rianimazione dell’ospedale rodigino, sono stati fantastici”. Ghiotti aggiunge che “qualche volta mia moglie risponde agli stimoli, ma si tratta di timide reazioni, poi torna in uno stato vegetativo, assente, priva di presenza cognitiva”. Ghiotti rievoca anche i tragici momenti che portarono la moglie a tentare il gesto estremo, ammette che “in passato avevamo pensato di separarci, io per un periodo sono anche stato fuori di me, e per questo devo anche rispondere dell’accusa di averla seguita. Poi però ci eravamo riavvicinati, ed eravamo consapevoli di voler continuare a vivere assieme”. La sera prima del 3 novembre “siamo stati a cena con amici, lei sembrava serena”. Ghiotti pone l’accento sul termine “sembrava”, in quanto nel recente passato “in alcune occasioni Susanna aveva accennato a un suo possibile gesto estremo. Ne avevo parlato con la polizia”. Il 3 novembre proprio i poliziotti dovevano notificare un atto a Ghiotti nella sua casa di Sant’Apollinare: “Li stavo aspettando, poi sono salito in camera per chiedere a mia moglie se ci volevamo fumare una sigaretta assieme a loro. Sono entrato e l’ho vista sdraiata sul letto, gli occhi semichiusi, priva di conoscenza, con lo sguardo spento e a fianco una siringa”. Ghiotti a quel punto chiede aiuto agli agenti, nel frattempo arrivati a casa sua, “insieme - continua - l’abbiamo rianimata, io per 20 anni ho lavorato al pronto intervento, so come si fa. Poi è arrivato il sue, Susanna è stata intubata e ricoverata in rianimazione”. In un primo momento sembrava che la donna si fosse iniettata nelle vene cloruro di potassio, poi però gli esami successivi hanno evidenziato una carenza di potassio nel suo organismo, “probabilmente si era iniettata alteri farmaci, ancora non si è capito quali”. Da quel momento Susanna “è in stato vegetativo. Ma io le sto accanto continuamente, sono anche disposto a lasciare il lavoro per starle vicino. Credo che i danni cerebrali che ha riportato a causa della mancanza momentanea di ossigeno richiedano tempi lunghi per una guarigione. Per questo chiedo che possa essere ospitata in una struttura idonea alla riabilitazione neurologica. Non so perché mia moglie abbia fatto un gesto estremo, probabilmente aveva dentro di sè una sorta di male di vivere”. Da oltre due mesi Susanna lotta in un letto di ospedale per rimanere in vita, il marito, che ammette momenti in cui il rapporto fra di loro non è stato dei più facili, chiede che sia aiutata nel migliore dei modi per affrontare questa battaglia”.Alberto Garbellini

 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Ecoambiente interventi responsabilità Civitanova annunciato referendum capogruppo dichiarato responsabile possibilità associazioni Comunicato dipendenti all'interno amministrazione condizioni attraverso condannato lavoratori manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato Napolitano situazione QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE L'opinione territorio REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information