Login

Chi è on.line

Abbiamo 525 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
50
Articoli
3362
Web Links
4
Visite agli articoli
12821988
LOGIN/REGISTRATI
Sabato, 16 Ottobre 2021
 

PROGETTO CULTURA DIFFUSA

banner cultura

A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

ucciso da un malore alle canarie( fonte LA VOCE).LA TRAGEDIA PIETRO COMELLI MORTO IN UN APPARTAMENTO. LA MADRE DEL 40ENNE È ORIGINARIA DI PONTECCHIO. La sorella: “Attendiamo l’esito dell’autopsia per fare chiarezza sulle cause del decesso”.

E’ morto all’improvviso, stroncato da un malore, alle Canarie, dove stava trascorrendo le vacanze di Natale. Pietro Comelli, 40enne di Nimis (Gorizia) si è spento sabato scorso nell’appartamento preso in affitto nella Gran Canaria, isola atlantica scelta per un periodo di relax. La madre di Pietro, Lucia Panin, è originaria del Polesine, aveva lasciato Pontecchio alcuni decenni fa per trasferirsi in Friuli. Ora sarà l’autopsia, già effettuata, a fare chiarezza sulle cause della morte. La sorella di Pietro infatti precisa che “Ci aspettiamo che sia fatta luce sulla morte di mio fratello. Siamo anche in attesa di poter celebrare i funerali”. Comelli, ex camionista ed ora agricoltore, aveva raggiunto le isole spagnole anche per trarre benefici dal clima e curare così alcuni problemi di salute. Il malore, invece, è arrivato improvviso. A scoprire il corpo del 40enne è stato un concittadino anche lui in vacanza alle Canarie. Pietro abitava a Nimis in borgo Centa con il padre Rodolfo, la madre Lucia Panin, e la sorella Silvana insegnante alla scuola media “Cantore” di Gemona. Aveva raggiunto le isole atlantiche lo scorso primo novembre e sarebbe dovuto rimanerci 4 mesi, proprio per curare i suoi problemi di salute. Il giorno prima del decesso aveva avvertito i primi malesseri ed era stato accompagnato all’ospedale dove e gli avevano detto che si trattava di problemi intestinali. Poi il ritorno al suo appartamento. L’amico, il giorno dopo, aveva provato a chiamarlo al telefono. Non ricevendo risposta si era precipitato a casa sua. Qui la tragica scoperta, Pietro era morto, steso sul proprio divano. Grande sgomento e commozione ha suscitato al suo paese la notizia della morte del 40enne, tutti gli amici di Pietro si sono stretti attorno al padre Rodolfo e alla madre Lucia.

 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Civitanova annunciato responsabilità soprattutto capogruppo particolare dichiarato responsabile associazioni possibilità all'interno Comunicato referendum dipendenti amministrazione condizioni condannato manifestazione attraverso lavoratori pubblicato intervento Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza importante Napolitano ambientale presentato situazione parlamentari QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE L'opinione REDAZIONALE Gazzettino territorio RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information