Login

Chi è on.line

Abbiamo 562 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3276
Web Links
4
Visite agli articoli
8917082
LOGIN/REGISTRATI
Venerdì, 22 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 80% (1 Vote)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

ex ospedale psi

Rovigo, 10 agosto 2013 - LA SENSAZIONE dentro certi padiglioni è che siano scappati tutti all’improvviso tanti anni fa, e che da quel giorno nessuno sia più entrato. La proprietà è dell’Ulss 18, ma l’ex manicomio è abbandonato dal 1995. L’ingresso principale è in via Chiarugi, a Granzette. Ma per entrare oggi bisogna proseguire verso Cantonazzo,

in via Munerati. Lì, sulla sinistra, c’è una via privata, presidiata da un custode. Un signore, residente nei pressi, che si è autoproclamato guardiano della situazione. Capello bianco all’indietro, petto nudo, braghetta corta, scarpe da tennis e un gilet arancione tipo società autostrade. Da quando c’è lui, dice, non ci sono più extracomunitari che entrano per bivaccare. Il custode ha le chiavi di un lucchetto che chiude un cancello in ferro. Apre solo quando gli si fa capire che i ‘piani superiori’ sono stati informati della visita. Allora si costeggia il Ceresolo per 300 metri e si riesce ad entrare da dietro il cancello di via Chiarugi. Il fatto che l’erba sia incolta e che la vegetazione si stia rimpossessando dello spazio rubato dall’asfalto, non è una sorpresa.

Ciò che sorprende di più è entrare nei padiglioni. Che sono una dozzina, posizionati su due semicerchi. In uno la porta è socchiusa, si può entrare. In bella vista, per terra, una enorme bobina e un rotolo di pellicola attorcigliato per terra come la pelle di un serpente. Sulla sinistra, centinaia di vasi in plastica ancora tutti uno sopra l’altro. Ma proseguendo verso l’interno la cosa che impressiona di più. Si può curiosare negli archivi dell’ospedale. I faldoni sono catalogati anno per anno. La polvere e la muffa ricopre tutto e non è certo invitante estrarne qualcuno per sfogliarlo. Ma ce ne sono di aperti. Nomi e cognomi di persone che sono state ricoverate, paese di provenienza, date.Quintali di carta con informazioni personali. Anche relazioni, scritte a penna in fogli protocollo. Se ne trovano pacchi interi e volendo si possono leggere. E poi fotografie. In un angolo, in fondo ad un corridoio pieno di faldoni su più file per un’altezza di oltre tre metri, per terra ce ne sono a pacchi. Anziani nel parco, seduti sulle sedie di plastica. Altri ad una colonia estiva. Scene normali di vita all’interno dell’istituto. Ritratti di donne, anche abbastanza giovani. Foto con parenti. Sono buttate lì, per terra. Per qualcuno potrebbero voler dire molto.

«Le cartelle cliniche originali dello psichiatrico, le più vecchie, sono tutte all’archivio di Stato, di fronte al Vescovado — fa sapere il responsabile dell’ufficio tecnico dell’Ulss 18, Rodolfo Fasiol —. In tre padiglioni, assolutamente chiusi a chiave, ci sono cartelle cliniche dell’ospedale, vecchie gare, documentazione amministrativa, ma dove ci sono cartelle cliniche è tutto chiuso a chiave». Cambia il padiglione e si entra in quelle che probabilmente erano le lavanderie. Tutto distrutto e lasciato alla polvere. Migliori le condizioni delle cucine, macchinari d’acciaio di marca che potevano fare da mangiare a centinaia di persone. In qualche angolo ci sono indumenti, calzini, ciabatte. E un mazzo di fiori. Segno che qualcuno ci ha abitato o dormito per un po’, non molto tempo fa. La natura comunque è la vera protagonista. Quest’inverno sono state avvistate volpi, tassi, barbagianni. L’estate, almeno nelle ore più calde, è il momento delle farfalle. Ce n’erano a centinaia, di diverso tipo. Colorate, bianche, grigie, maculate.
 

Tommaso Moretto

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia ambientale maggioranza importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information