Login

Chi è on.line

Abbiamo 632 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3276
Web Links
4
Visite agli articoli
8912148
LOGIN/REGISTRATI
Venerdì, 22 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

silvano-vernizzi-a-1-3-1-2(Fonte: RovigoOggi)Il comitato Diritto alla città attacca duramente la scelta di Veneto Strade di ricorrere al Tar per far modificare il vincolo posto dalla Soprintendenza di Verona sull’area dell’ex tiro a segno - Alla notizia che Veneto Strade è ricorsa al tribunale amministrativo regionale per opporsi al vincolo

posto dalla Soprintendenza di Verona sull’ex tiro a segno di Rovigo, impedendo quindi la realizzazione del Passante Nord, il comitato Diritto alla città grida allo scandalo.

“Ci appare davvero inammissibile che Silvano Venizzi (foto a lato), che nessuno ha mai eletto e che quindi altro non è che un semplice funzionario pubblico, abbia l'arroganza ed il potere di imporre la sua capricciosa volontà ai danni di un'intera città, anzi, di un’intera regione!”, un attacco molto duro quello che il comitato Diritto alla città riserva all’amministratore delegato di Veneto Strade, Silvano Vernizzi, che è ricorso al Tribunale amministrativo regionale per opporsi al vincolo della Soprintendenza e per poter realizzare il Passante nord attraversando l’area dell’ex tiro a segno e parco Langer. 

“Un ente a totale partecipazione pubblica decide autonomamente, tramite i Silvano Vernizzi di opporsi alla decisione di un altro ente, la Soprintendenza che, con un provvedimento ineccepibile per motivazioni e finalità, ha sottoposto a tutela un monumento cittadino di grande valore storico, unico nel suo genere - scrive il comitato - Un ricorso pagato quindi con denaro pubblico nell’intento di rimuovere una tutela più che dovuta e che una volta scardinata aprirebbe la strada (è proprio il caso di dirlo) alla costruzione del Passante nord attraverso l’area destinata a Parco cittadino già intitolato ad Alexander Langer, distruggendo gli ampi e ben conservati resti dell’ex poligono, abbattendo un bosco urbano, cancellando la possibilità di realizzazione del parco stesso, atteso da oltre 30 anni, e soffocando la città in un abbraccio mortale! Nella certezza della serenità di giudizio dei giudici amministrativi e del conseguente rigetto di questo assurdo ricorso, non possiamo omettere alcune considerazioni di merito”.

La questione relativa al Passante Nord ha sempre messo in ginocchio l’amministrazione comunale, che nella sua maggioranza ha sempre avuto pareri discordanti. Tanto che lo scorso dicembre il sindaco dovette votare la mozione di sospensiva presentata dal consigliere d'opposizione Vanni Borsetto per evitare di andare sotto coi numeri e quindi passare in minoranza. 

“Per non parlare della minaccia dello stesso Vernizzi di cancellare il finanziamento su Rovigo, in un gioco delle parti tra lui e il sindaco Piva a dir poco stucchevole! Ma non doveva essere il Comune, secondo le parole dello stesso Vernizzi, a decidere sul tracciato dell’opera? Perché il direttore di Veneto Strade viene ora a dirci che se il Comune vuole il percorso su via Calatafimi, deve arrangiarsi a farne il progetto? Come si giustifica un simile atteggiamento ricattatorio? - affermano i Comitati - Ricordiamo che l’iter di approvazione del progetto a sud del Ceresolo è stato stoppato, oltre che dal provvedimento della Soprintendenza, dal un voto unanime dell’intero Consiglio comunale e che nessuna imposizione di Veneto Strade può travalicare la sovranità dell’organo elettivo espressione diretta della volontà popolare: questa è la democrazia!

Per finire, ricordiamo che i cittadini – contribuenti sono ancora in attesa della documentazione tecnico – contabile relativa alla parte del Passante già realizzata, costata l’astronomica cifra di 24 milioni di euroa fronte di opere ridotte e pesantemente variate rispetto al progetto originario. L’incredibile rifiuto di Veneto Strade di fornire detta documentazione denota ancor più l’arroganza ed il senso di onnipotenza dei suoi vertici! E la politica tace”.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia ambientale maggioranza importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information