Login

Chi è on.line

Abbiamo 550 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3275
Web Links
4
Visite agli articoli
8874097
LOGIN/REGISTRATI
Venerdì, 15 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Michela-Furin

Mal di pancia a cinque stelle. Le baruffe grilline continuano a imperversare sul web. A scatenare la bufera, dopo le dimissioni di maggio da Palazzo Nodari, il nuovo incarico

dell'ex consigliere comunale Michela Furin che ora lavora per il deputato bellunese Federico D'Incà in qualità di collaboratrice parlamentare. L'accusa è quella di «mancanza di trasparenza sul conferimenti di questa nomina», come sbotta Lucilla Palmisano.
Furin mette subito le mani avanti: non sarà la portaborse del parlamentare. «Collaboro con D'Incà - precisa - seguendo alcune cose per lui in Veneto restandomene a Rovigo. Sto organizzando con i bellunesi la commemorazione della tragedia del Vajont e sto seguendo questioni tecniche di urbanistica ed energia, e tutela del territorio veneto».
Su Facebook, però, scoppia la polemica. Palmisano è la prima a gettare il sasso nello stagno. «Quale è stata la selezione fatta e quanti vi abbiano partecipato? Solo successivamente alla notizia apparsa sui giornali ho letto una e-mail ufficiale del deputato D'Incà in cui ci comunicava la tua nomina a collaboratrice. Come attivista, ho impressione che la tanto trasparenza e quant'altro ormai sia solo un ricordo».
Si aggiunge Vanni Destro. «È stata ad affidamento diretto o Federico ha fatto una selezione per titoli e competenze? Così sta facendo il traditore Giovanni Favia per un suo collaboratore in Regione. Endrizzi invece ci ha scritto che ogni parlamentare a 5 Stelle si è preso il collaboratore che pareva a lui. Ah, scusa la curiosità, ma siccome sono famosi soldi pubblici con cui si pagano le collaborazioni, se si pagano, è possibile conoscere l'eventuale importo. Non è che la trasparenza vale solo per gli altri, vero?».
Velenosa la replica di Furin che minaccia querela. «Se scrivi commenti e insinuazioni su di me su vari profili Facebook a cui non ho accesso né possibilità di replica vedrò di prendere provvedimenti. Esiste la querela per diffamazione, sai?». Arriva dunque il commento di un sostenitore deluso. «Sta discussione, seppur lecita e trasparente, fa venir voglia di votare Gabriele Frigato (ex parlamentare della Margherita prima e del Pd poi). Non so se rendo l'idea. I grillini dovrebbero far politica gratis».
Marina Lucchin

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information