Login

Chi è on.line

Abbiamo 503 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3275
Web Links
4
Visite agli articoli
8899016
LOGIN/REGISTRATI
Mercoledì, 20 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 50% (1 Vote)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

PET

Se miriamo a raggiungere lo sviluppo durevole, avremo bisogno di mostrare una maggiore responsabilità nei confronti degli ecosistemi

dai quali dipende l'intera vita, per ognuno di noi come individuo appartenente ad una comunità, e per le generazioni che seguiranno la nostra, e sulle quali si ripercuoteranno domani le conseguenze delle decisioni che assumiamo oggi’.

La plastica svolge un ruolo essenziale, offrendo e fornendo sostegno alla qualità, al comfort e alla sicurezza degli stili di vita moderni. Il suo straordinario rapporto costi/prestazioni significa anche che le persone di tutte le fasce di reddito possono godere di questi benefici. Soddisfare le esigenze della società non significa tuttavia soltanto quelle di "oggi". Anche le generazioni future hanno diritto ai vantaggi materiali ed altri benefici. Soddisfare le esigenze di domani è il fondamento del concetto di "Sviluppo sostenibile". 

E' quindi importante -visto l'altissimo uso  che si fa oggi della plastica e le intere isole negli oceani che sono state formate da un abuso della stessa-  sviluppare plastiche che siano biodegradabili  nel tempo.

Di seguito vengono analizzate i vari tipi di plastica perché conoscere significa anche saper discernere e decidere per il futuro.

IL PET

PET è l’abbreviazione di una particolare materia plastica che appartiene alla famiglia dei poliesteri, parola che deriva dal prefisso greco 'poli-' , che significa ‘molti’, ed '-esteri' che sono dei composti formati dalla reazione degli alcol con gli acidi attraverso un legame chimico conosciuto come legame estereo. Il poliestere PET è composto dall’alcol etilenglicole [EG] dall’acido tereftalico [TPA], e il suo nome chimico è Polietilentereftalato o PET.

                                                      Disegno pet     Il PET tra le plastiche

Le materie prime del PET derivano dal petrolio greggio. Dopo raffinazione e separazione del greggio in una serie di derivati del petrolio si ottengono i due composti intermedi del PET - monomeri -, i quali vengono purificati e miscelati in un grande contenitore sigillato di tipo pentola a pressione, e riscaldati fino a 300°C in presenza di un catalizzatore.

Ciascun composto intermedio ha due identici punti di reazione ed è quindi capace di formare catene legando assieme diverse molecole individuali per formare un polimero in cui i monomeri sono legati da legami esterei.

Vantaggi del PET: Poiché il PET è facilmente lavorabile per stampaggio a iniezione e soffiaggio o per estrusione quando è allo stato fuso, può essere preparato su misura per soddisfare praticamente qualsiasi richiesta.  Il pet infatti è riciclabile al 100% ed il fatto che non sia economico come la plastica deriva essenzialmente da un motivo: non tutte le aziende lo usano. Può essere riutilizzato attraverso un procedimento meccanico (meno caro) e uno chimico (più caro).

Anche se il costo del pet è maggiore, le aziende che decidono di utilizzarlo possono godere di sgravi fiscali. Si risparmierebbe sul costo di smaltimento (che normalmente paghiamo già con l'acquisto di un prodotto) ed inoltre potremmo evitare di impazzire con la raccolta differenziata. Immaginiamo ad esempio cosa accadrebbe se tutte le aziende aderissero alla proposta di utilizzare materiali biodegradabili o riciclabili. A quel punto potremmo usare semplicemente due bidoni: uno per l'organico ed uno per la nuova plastica verde! Diminuirebbero -forse- le nostre tariffe di smaltimento e daremmo una valida mano all'ambiente. 

Ci sono purtroppo alcune aziende che decidono di utilizzare il pet mischiandolo con la plastica. A quel punto, si riduce sì il consumo di plastica o altri materiali, ma si ostacola lo smaltimento di quel rifiuto.

Le applicazioni tipiche includono: 

  • Bottiglie per bibite analcoliche, succhi di frutta, acque minerali. Particolarmente adatto alle bevande gassate, oli da cucina e da tavola, salse e condimenti, e detergenti.
  • Vaschette e contenitori a collo ampio, marmellate, composte, frutta e alimenti secchi.
  • Vassoi per cibi precotti pronti per il riscaldamento in forno a microonde o forno tradizionale. Preparazioni a base di pasta, carne e verdura.
  • Fogli per cibi precotti, snack, frutta secca, dolciumi, confetteria a lunga conservazione.
  • Altri prodotti in PET con barriera all’ossigeno rinforzata per birra, prodotti freschi confezionati sotto vuoto quali formaggi, carni, vini, condimenti, caffè, dolci e sciroppi. 

Fonti: The PlasticsPortal , Benesserevillage.it e vocabolari

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information